[Post Rock] Into My Plastic Bones – …

/5
  [Post Rock] Into My Plastic Bones – Hidden Music (2008) Spycam on your back – Paracetamolo – Screwed finger – Lovely lovely lovely – D – Johnny Cage (Private life) – Toxicology – Camel tsunami http://www.impb.altervista.orghttp://www.myspace.com/intomyplasticbones Non è facile parlare di un prodotto come “Hidden music” del trio torinese Into my plastic bones, dove

 

[Post Rock] Into My Plastic Bones – Hidden Music (2008)

Spycam on your back – Paracetamolo – Screwed finger – Lovely lovely lovely – D – Johnny Cage (Private life) – Toxicology – Camel tsunami

http://www.impb.altervista.org
http://www.myspace.com/intomyplasticbones

Non è facile parlare di un prodotto come “Hidden music” del trio torinese Into my plastic bones, dove un’anima ritmica vicina alle follie dei Primus viene al cospetto delle atmosfere cupe degli Slint e delle sfuriate degli Isis e dei Neurosis. Evidente l’amore per i primi su “Paracetamolo” e “Camel tsunami” dove è proprio il basso di Poli a dettare il groove, seguito dai riff intricati della chitarra di Paolo. Altrove invece prevale l’anima più vicina all’hardcore e al metal, dove non stupisce ritrovare riferimenti ai Tool, ai Nine Inch Nails, ma anche agli Opeth di “Still life”, come sembra suggerire l’arpeggio iniziale dissonante su “D”.

Un lavoro piacevole e dal grande impatto sonoro, merito anche dell’ottima produzione, graffiante e ruvida al punto giusto, senza troppi fronzoli e inutili orpelli. Un buon inizio per una giovane band che dimostra di avere tutte le carte in regola per avere soddisfazioni in futuro, una volta maturati un proprio stile e una propria definita personalità musicale.

Livio Novara

Condividi.