[Punk Cabaret] Dresden Dolls – No, Virginia (2008)

/5
  Dear Jenny – Night Reconnaissance – The Mouse And The Model – Ultima Esperanza – The Gardener – Lonesome Organist Rapes Page-Turner – Sorry Bunch – Pretty In Pink – The Kill – The Sheep Song – Boston http://www.dresdendolls.com/http://www.roadrunnerrecords.it/ Scarti o non scarti la sostanza non cambia, i Dresden Dolls arrivano anche questa volta

 

Dear Jenny – Night Reconnaissance – The Mouse And The Model – Ultima Esperanza – The Gardener – Lonesome Organist Rapes Page-Turner – Sorry Bunch – Pretty In Pink – The Kill – The Sheep Song – Boston

http://www.dresdendolls.com/
http://www.roadrunnerrecords.it/

Scarti o non scarti la sostanza non cambia, i Dresden Dolls arrivano anche questa volta a segno. Un cuore punk che pompa sangue a gambe rock mosse da una testa jazz: il concentrato della formula dei nostri è tutto qui, pare poco?
Amanda con il suo piano energico, percussivo, educato e la sua voce sgraziata, sporca, maleducata e un po’ puttana da una parte, e Brian con la sua batteria scoppiettante, imprevedibile e cantata dall’altra sono sufficienti per dar vita alla magia di questo punk cabaret.
Atmosfere antiche a colori ultramoderni o scene futuribili virate seppia, scegliete voi l’interpretazione che preferite.
Quello che conta è che il gioco di contrasti funziona ancora una volta e non parliamo dei banali giochi di ombre e luci, ma di raffinata volgarità, eleganza squallida e poesia grettamente aulica.
Si dice che alcuni di questi brani fossero stati composti al tempo del precedente “Yes, Virginia” (anche il titolo fa supporre una parentela) ma, dopo tutto, è un dettaglio insignificante.

Tra i migliori dischi di questo 2008.

S.D.N.

Condividi.