[Rock] Pearl Jam – Pearl Jam (2006)

 /5
Life Wasted – World Wide Suicide – Comatose – Severed Hand – Marker In The Sand – Parachutes – Unemployable – Big Wave – Gone – Wasted Reprise – Army Reserve – Come Back – Inside Job www.pearljam.comwww.jrecords.com I Pearl Jam onorano i loro primi quindici anni di carriera con la pubblicazione di un nuovo

Life Wasted – World Wide Suicide – Comatose – Severed Hand – Marker In The Sand – Parachutes – Unemployable – Big Wave – Gone – Wasted Reprise – Army Reserve – Come Back – Inside Job

www.pearljam.com
www.jrecords.com

I Pearl Jam onorano i loro primi quindici anni di carriera con la pubblicazione di un nuovo album, intitolato semplicemente con il nome del gruppo, quasi si trattasse di un esordio. In realtà si tratta dell’ottavo disco in studio per la band di Seattle, che come ha dichiarato Eddie Vedder sarà “un’opportunità sana di affrontare le emozioni negative derivanti da fatti come la rielezione di George Bush e i tre anni di guerra in Iraq”. In effetti fin dal primo ascolto l’album pare davvero mostrare tutta la rabbia del gruppo, capace ancora di testi ispirati e poetici, ma anche della solita ruvidezza che ne ha contraddistinto la carriera. Le tematiche sono appunto quelle relative al conflitto in Iraq e alla rielezione del presidente degli Stati Uniti, ma anche il dramma della disoccupazione e la religione. Canzoni come World Wide Suicide o Life Wasted sono indicative in tal senso e rendono bene l’idea di cosa ci si può aspettare. Utilizzando ancora le parole del singer, si può dire che i Pearl Jam oggi siano come una vecchia auto sulla quale è stato montato un nuovo motore, il nuovo album appunto. Pearl Jam è stato prodotto dal gruppo assieme ad Adam Kasper, già con loro nell’ultimo lavoro in studio della band e segna l’inizio del rapporto con la J Records, dopo la fine dello storico rapporto con la Epic.

L.G.

Condividi.