[Rock] Steve Vai – Where The Wild Things Are

/5
  [Rock] Steve Vai – Where The Wild Things Are (DVD) (2009) Paint me your face – now we run – Oooo – Building the church – Tender surrender – Band intros – Firewall – The crying machine – Shove the sun aside – I’m becoming – Die to live – Freak show excess –

 

[Rock] Steve Vai – Where The Wild Things Are (DVD) (2009)

Paint me your face – now we run – Oooo – Building the church – Tender surrender – Band intros – Firewall – The crying machine – Shove the sun aside – I’m becoming – Die to live – Freak show excess – Apples in paradise – All about Eve – Gary 7 – Beastly rap – Treasure island – Angel food – Earthquake sky – The audience is listening – The murder – Juice – Whispering a prayer – Taurus bulba – Liberty – Answers – For the love of god

http://www.vai.com
http://www.favorednations.com

Benvenuti al Circo Vai, venghino siori, venghino! Questa volta il carrozzone si trova a Minneapolis, nell’ameno State Theatre colmo di seguaci adoranti e vogliosi di carpire i segreti dell’uomo che lo shred l’ha praticamente inventato e portato all’ennesima potenza, grazie alla continua ricerca del limite, all’amore per tutto quanto sia kitsch, eccessivo, lontano da un sentire comune standardizzato.

Tutto ciò in musica si trasforma nel sound che l’ha reso famoso, l’accostamento delle note, i riff e i lick subito riconoscibili, i giochi con la leva e il massacro del ponte, e non ultimo l’uso sapiente dell’effettistica per dare vita a quel pezzo di legno muto che, in mano a Mr. Vai, si anima e riesce sempre ad incantare come la prima volta.
Un concerto molto lungo poco incentrato sui classici di sempre, ma basato più sugli ultimi lavori e su alcuni brani nuovi, insieme ad un gruppo di musicisti giovani ma sopra le righe, con una coppia di violinisti Alex DePue e Anna Marie Calhoun a fare la differenza nel riarrangiamento dei brani. Uno spettacolo musicalmente ineccepibile che non vi deluderà, con siparietti curiosi, grandi soli, giochi di luci, e il solito gigioneggiare di Mr. Vai e le sue impagabili espressioni del volto…davanti al ventilatore sempre acceso…immancabile!

Livio Novara

Condividi.