[Rock] The Gaslight Anthem – American Slang (2010)

the gaslight anthem american slang /5
http://www.gaslightanthem.com/http://www.sideonedummy.com/ Non nascondiamoci dietro un dito: in quanti sarebbero qui, in Italia, a seguire i The Gaslight Anthem se non li avesse elogiati nel recente passato Bruce Springsteen in persona? Ben pochi sicuro. Ed è un dispiacere, perché ad oggi i quattro ragazzi del New Jersey restano una delle band più genuine in ambito rock,



http://www.gaslightanthem.com/
http://www.sideonedummy.com/

Non nascondiamoci dietro un dito: in quanti sarebbero qui, in Italia, a seguire i The Gaslight Anthem se non li avesse elogiati nel recente passato Bruce Springsteen in persona? Ben pochi sicuro. Ed è un dispiacere, perché ad oggi i quattro ragazzi del New Jersey restano una delle band più genuine in ambito rock, cosa che han notato con una certa lungimiranza molti siti specializzati statunitensi o britannici un paio di anni fa.

L’etichetta di punkers, troppo riduttiva per bollare i The Gaslight Anthem già in passato, nella loro ultima release è praticamente limitata ad alcune parti più pestate rispetto al resto (vedi “Orphans”). Qui troviamo un gruppo ormai arrivato a un punto importante della loro carriera, rivedere in chiave più “giovane” e moderna la proposta di Bruce Springsteen, aggiungendo alcune fonti di ispirazione più vicine ai Nineties, anni vissuti da teenager per buona parte del quartetto. L’aria dei Pearl Jam, ad esempio, si sente seppur velata in alcuni passaggi. Non siamo di fronte a dei virtuosi e, primo fra tutti, Brian Fallor non è un gran cantante. Però hanno dalla loro la capacità di raccontare storie della provincia statunitense in maniera sentita e con dei suoni che rendono la proposta accessibile a tutti. Un disco breve che ha il pregio/difetto di non avere dei filler, ma neanche degli apici stellari.

“The ’59 Sound” è, per ora, il loro lavoro più riuscito, ma “American Slang” resta comunque un degno successore e, soprattutto, una prova che Brian Fallor e soci avranno ancora molto da dire nei prossimi anni.

Nicola Lucchetta

Condividi.