[Rock/Alternative/Emo] La Sindrome – L’Arena Del Peccato (2009)

/5
http://www.myspace.com/arenadelpeccato Ascolti “Risvegliami”, la traccia di apertura, e ti vengono in mente i Mineral, i Sunny Day Real Estate, l’emo quello bello, ti illudi che qualcuno finalmente ne abbia raccolto lo scettro anche qui in Italia, speri che tutto l’album sia così. Poi ascolti “Indietro No”, che viene subito dopo, e ti chiedi se qualcuno


http://www.myspace.com/arenadelpeccato

Ascolti “Risvegliami”, la traccia di apertura, e ti vengono in mente i Mineral, i Sunny Day Real Estate, l’emo quello bello, ti illudi che qualcuno finalmente ne abbia raccolto lo scettro anche qui in Italia, speri che tutto l’album sia così.
Poi ascolti “Indietro No”, che viene subito dopo, e ti chiedi se qualcuno non abbia cambiato il cd nello stereo, perché di colpo la voce ti ricorda Piero Pelù, o ancora peggio Max Pezzali, e i testi non sono da meno.
“Risvegliami” è infatti un episodio singolo, e la cifra stilistica di questo album è invece quella Pelù-Pezzali: il resto offre poco, se non canzoni che vanno dal metal poco convinto di “Portami Via” alle ispirazioni quasi sanremesi (sì, il classico pezzo da Sanremo del gruppo rock, immaginatevi l’orchestra a raddoppiare le chitarre) di “La Mia Terra”, che se non l’avessero detto, che è una canzone sul terremoto in Abruzzo, forse sarebbe stato anche meglio.

“L’Arena Del Peccato” si perde quindi in testi con le rime al futuro (sarà-complicità-accoglierà) e voci super-impostate, lasciandoci annoiati dopo i primi cinque pezzi tutti uguali (se non contiamo come differenza il cambio di bpm o, sigh, di lingua), ed è un peccato perché “Risvegliami” ci aveva illusi, e invece è tutto quello che ci rimane, alla fine, oltre a ritornelli come “Vieni con me nell’arena del peccato”, dei quali avremmo fatto anche a meno e che invece ci ossessioneranno sotto la doccia per giorni, visto che una cosa La Sindrome ce l’ha, ed è l’intuizione per la melodia orecchiabile.

Ps. La Sindrome, la prossima volta che decidete di ispirarvi così tanto ad un pezzo, almeno cambiatene un po’ di più il riff di chitarra, a me “Parking Lot” dei Mineral piaceva di più prima che la ascoltassi in “Vertigini”.

Framcesca Stella Riva

Condividi.