Belladonna Shooting Dice With God

belladonna-shooting-dice-with-god 3.5/5
La band romana giunge al quarto disco ed è probabilmente quello della maturità definitiva. In “Shooting Dice With God” i Belladonna espongono chiaramente il proprio trademark decadente e oscuro, denso di teatralità e spolverato di influenze gothic che talvolta si lasciano andare a quello metallico. Un disco solido, che riesce nel corso delle undici tracce

La band romana giunge al quarto disco ed è probabilmente quello della maturità definitiva. In “Shooting Dice With God” i Belladonna espongono chiaramente il proprio trademark decadente e oscuro, denso di teatralità e spolverato di influenze gothic che talvolta si lasciano andare a quello metallico. Un disco solido, che riesce nel corso delle undici tracce a esplorare diversi stati emozionali, alternando momenti più aggressivi a passaggi più intensi e rarefatti. “If I Was God” e “Ishtar Blues” sono probabilmente i picchi dell’album, pezzi differenti ma accomunati da uno stesso filo conduttore chiaramente rintracciabile. Un prodotto molto curato, artwork incluso, che conferma i Nostri come realtà nazionale estremamente interessante. (P.S.)


Condividi.