[Black Metal] Cobalt – Gin (2009)

/5
    http://www.myspace.com/stinktown666 Terzo album per gli statunitensi Cobalt, fautori di un interessante incrocio fra classico black metal e deviazioni post hardcore (quello più malato e apocalittico, per intenderci). La provenienza geografica farebbe pensare a una qualche somiglianza con Wolves In The Throne Room: in realtà il duo che ha realizzato “Gin” è più diretto

 

 

http://www.myspace.com/stinktown666

Terzo album per gli statunitensi Cobalt, fautori di un interessante incrocio fra classico black metal e deviazioni post hardcore (quello più malato e apocalittico, per intenderci). La provenienza geografica farebbe pensare a una qualche somiglianza con Wolves In The Throne Room: in realtà il duo che ha realizzato “Gin” è più diretto e meno debitore nei confronti dell’ambient e della psichedelia (anche se digressioni in questi ambiti sono comunque presenti). In ogni caso, i Nostri svariano fra gli ultimi Satyricon, qualche episodio black’n’roll alla Carpathian Forest, nevrosi chitarristiche che ricordano Neurosis, Breach e primi Cult Of Luna, schizzi di sludge – core che contengono in sé tracce dei Mistress, più qualche rarefazione che chiama in causa i Minsk o, se vogliamo restare aggrappati al black, gli Altar Of Plagues. Non tutto è perfetto, ma la strada è quella giusta. Dare un nuovo volto ad un genere, rimanendo però dentro di esso, non è cosa da poco, e i Cobalt ci stanno riuscendo.

Condividi.