Burn Halo – Up From The Ashes

Burn Halo Up From The Ashes 2011 /5
Un colossale passo in avanti per  James Hart e i suoi Burn Halo. L’esordio di due anni fa aveva un paio di singoli degni e molti filler, a questo giro invece la qualità sale così come l’entertainment che sprizza da ogni traccia di “Up From The Ashes”. La scena alternative US esulterà con lo zucchero

Un colossale passo in avanti per  James Hart e i suoi Burn Halo. L’esordio di due anni fa aveva un paio di singoli degni e molti filler, a questo giro invece la qualità sale così come l’entertainment che sprizza da ogni traccia di “Up From The Ashes”. La scena alternative US esulterà con lo zucchero vitaminico di “Stuck In A Rut” e con le fucilate di “Tear It Down”, title track e “Dakota”; i fans di Art Of Dying, Rev Theory e anche i più metallosi (del 2011 s’intende) di A7X, BFMV e Stone Sour avranno di che divertirsi. Un disco che aggiunge poco a quanto gira da anni sulle radio rock del Pacifico ma che risulta essere un bel modo per passare un’oretta. Obbligatorio dargli una chance, possibilmente col finestrino abbassato e autoradio a manovella.

Condividi.