[Cantautorato] Devendra Banhart – What Will We Be (2009)

/5
    http://www.myspace.com/devendrabanhart Nonostante abbia abbandonato alcuni dei suoi istrionismi più ad effetto, Devendra continua a far parlare di se. Avrà messo la testa a posto oppure questo è l’ennesimo travestimento indossato dall’artista? Ecco cosa si chiedono in molti. Beh, chiacchiere a parte, di sicuro c’è che sul piano strettamente musicale Banhart ha svoltato. Non

 

 

http://www.myspace.com/devendrabanhart

Nonostante abbia abbandonato alcuni dei suoi istrionismi più ad effetto, Devendra continua a far parlare di se. Avrà messo la testa a posto oppure questo è l’ennesimo travestimento indossato dall’artista? Ecco cosa si chiedono in molti. Beh, chiacchiere a parte, di sicuro c’è che sul piano strettamente musicale Banhart ha svoltato. Non più lo – fi folk, indie – folk, psych – folk o chissà che altro: “What Will We Be” è opera di cantautorato quasi ‘tradizionale’, che racchiude le vibrazioni di un disco pensato nel 1970 e solo successivamente riverniciato con colori moderni. Qualche accenno elettrico in un mare di ballate gentili che poggiano su di un substrato fatto di folk, aromi latini, scaglie psichedeliche, lievi spigolature jazzy e qualche breve e misurata bizzarria indie. Ecco, misurato è l’aggettivo più azzeccato a descrivere questo disco. Probabilmente alcuni rimpiangeranno la stravaganza freak dei suoi primi lavori, ma è innegabile che l’artista sia maturato e la sua arte si sia fatta più solida.

Condividi.