[Dubstep/Techno] Scuba – Triangulation (2010)

/5
    http://www.myspace.com/paulhotflush Paul Rose si è trasferito a Berlino da un po’ di tempo ormai, e il suono dei suoi Scuba non poteva che adattarsi all’ambiente circostante. E, infatti, il nuovo album è piuttosto diverso rispetto al precedente e acclamato “A Mutual Antipathy”, ancora immerso nella nebbia dubstep londinese. A scanso di equivoci, in

 

 

http://www.myspace.com/paulhotflush

Paul Rose si è trasferito a Berlino da un po’ di tempo ormai, e il suono dei suoi Scuba non poteva che adattarsi all’ambiente circostante. E, infatti, il nuovo album è piuttosto diverso rispetto al precedente e acclamato “A Mutual Antipathy”, ancora immerso nella nebbia dubstep londinese. A scanso di equivoci, in “Triangulation” il dubstep c’è ancora, e Burial continua a far capolino al termine del tunnel che campeggia in copertina. Ma accanto ad esso le infiltrazioni techno, rave, tribal e drum’n’bass si sono fatte strada, aprendo mille varchi e arricchendo lo Scuba sound di nuove (scure) tonalità, che fanno di questa fatica l’opera più riuscita del Nostro. È ancora prematuro dirlo, ma il musicista pare che abbia tutta l’intenzione di scrivere importanti capitoli nella storia dell’elettronica a venire. Per ora “Triangulation” è un’ottima base di partenza.

Condividi.