[Folk Rock] Gary Higgins – Seconds (2009)

/5
http://www.myspace.com/redhash Nel 2005 la Drag City ristampa un vecchio disco di folk rock del 1972, “Red Hash”. L’autore è Gary Higgins, sconosciuto quanto sfortunato musicista americano che vide la sua promettente carriera interrotta da un arresto per possesso di marijuana. L’album di cui sopra è davvero una piccola perla, ottimo rock acustico spazzato da venti


http://www.myspace.com/redhash

Nel 2005 la Drag City ristampa un vecchio disco di folk rock del 1972, “Red Hash”. L’autore è Gary Higgins, sconosciuto quanto sfortunato musicista americano che vide la sua promettente carriera interrotta da un arresto per possesso di marijuana. L’album di cui sopra è davvero una piccola perla, ottimo rock acustico spazzato da venti psichedelici; e infatti riscuote un buon successo. Così il vecchio Gary torna ad imbracciare la chitarra e pubblica “Seconds”; non siamo ai livelli del debutto, ma fra Dylan, Drake, Tim Buckley e ricordi weastcostiani (David Crosby docet) il lavoro conserva un suo fascino, anche se un gusto troppo estetizzante ne rovina in parte il valore. In ogni caso fa piacere sapere che a Higgins è stata data una seconda possibilità.

Condividi.