Janus Nox Aeris

3.5/5
“Nox Aeris” è il nuovo disco degli Janus, che esce in un clima da avvento del Messia al di là dell’Oceano. Chi segue la scena alternative negli States attendeva con ansia spasmodica il ritorno di David Scotney e compagni, forti di un “Red Right Return” che aveva impressionato tutti qualche anno fa. “Nox Aeris” è

Nox Aeris” è il nuovo disco degli Janus, che esce in un clima da avvento del Messia al di là dell’Oceano. Chi segue la scena alternative negli States attendeva con ansia spasmodica il ritorno di David Scotney e compagni, forti di un “Red Right Return” che aveva impressionato tutti qualche anno fa. “Nox Aeris” è potenzialmente un lavoro schianta mercato, forte di una produzione levigatissima e d’impatto, esalta le atmosfere dark e oscure di dieci pezzi che hanno forse alla lunga il punto debole nelle ritmiche e nella scontatezza di qualche linea melodica. Intendiamoci, l’album è più che godibile, ogni pezzo è profondo e ricco di sfaccettature anche elettroniche mai invadenti e azzeccatissime. Scotney sbraita meno che in precedenza favorendo una narrazione affascinante e pulita, piazzando un paio di ritornelli clamorosi (cfr “Lifeless” per esempio), la sezione ritmica è solida ma manca qua e là qualche variazione sul tema. Il nome Janus aumenterà sempre più il gradimento in territori amici, vedremo se un tour di supporto magari a qualche nome grosso potrà dare ai ragazzi una visibilità estera più che meritata…


YouTube

Condividi.