Motel 20099 – Mono

3/5
I giovani teppisti milanesi tornano a distanza di un anno dall’esordio, con un nuovo lavoro in studio. “Mono” è il secondo album per i Motel 20099 e si presenta come un flusso di ritmi aggressivi e ben assestati. Un percorso rock, con sterzate punk, spezzato solo in due occasioni. Il tributo a Federico Aldovrandi e

I giovani teppisti milanesi tornano a distanza di un anno dall’esordio, con un nuovo lavoro in studio. “Mono” è il secondo album per i Motel 20099 e si presenta come un flusso di ritmi aggressivi e ben assestati. Un percorso rock, con sterzate punk, spezzato solo in due occasioni. Il tributo a Federico Aldovrandi e la collaborazione con Umberto Palazzo, voce dei Santo Niente, in “Quattro Passi” sono gli unici due frammenti che si scostano musicalmente dal resto del disco, mostrando l’abilità del gruppo nell’esplorare anche territori differenti. Qui la voce perde la sua carica iniziale, l’approccio è a tratti acustico e il resto della band smorza il volume. Il lavoro nel complesso è graffiante, potente, ruvido e conferma il cammino promettente intrapreso con “Romanticismo dalla periferia per giovani teppisti”, l’album di debutto inserito da iTunes tra le prime scelte del 2010. Vale davvero la pena ascoltarli, anche solo per lasciarsi investire dall’energia di “Moleskine” o di “Piramide Nera”.

Riccardo Rapezzi

Condividi.