[Noise] Burning Star Core – Papercuts Theatre (2010)

/5
    http://www.myspace.com/cspenceryeh Chris Spencer Yeh si era già fatto notare con il suo progetto Burning Star Core per un noise sui generis, ricchissimo di riferimenti alle strutture della scuola minimalista. Il fatto poi che Chris si diletti, in particolare, a torturare il violino, ha reso possibile stabilire correlazioni fra lui e uno dei grandi

 

 

http://www.myspace.com/cspenceryeh

Chris Spencer Yeh si era già fatto notare con il suo progetto Burning Star Core per un noise sui generis, ricchissimo di riferimenti alle strutture della scuola minimalista. Il fatto poi che Chris si diletti, in particolare, a torturare il violino, ha reso possibile stabilire correlazioni fra lui e uno dei grandi padri della moderna musica classica, Tony Conrad (ricordiamo il capolavoro di quest’ultimo, “Four Violins”). Tuttavia “Papercuts Theatre”, composto da 4 movimenti nei quali l’artista incolla 66 diverse esibizioni dal vivo, è piuttosto diverso dai vecchi dischi dei BSC: alcuni echi minimalisti rimangono, ma tutto vien stravolto da una foga parossistica e da una violenza inaudita. Violino, synth, batteria e voce filtrata vengono triturate e abbrutite in rumori molesti e degradati, stridenti, quasi insopportabili. Fra Merzbow, Nurse With Wound, Shit And Shine, Wolf Eyes e uno sciame d’api assassine. Buona prova, ma fin troppo ridondante, quasi volesse sbalordire a tutti i costi. Solo per estremisti.

Condividi.