[Psych Folk] Fursaxa – Micorrhizae Realm (2010)

/5
http://www.myspace.com/fursaxa Tara Burke si ferma e, con “Micorrhizae Realm”, fa il punto della situazione. A differenza dei suoi predecessori, qua non c’è nulla che i suoi Fursaxa non abbiano già intuito e sviluppato nel loro recente passato. Equamente diviso fra la rarefazione di “Alone In The Dark Wood”, il rigore di “Lepidoptera” e il fervore


http://www.myspace.com/fursaxa

Tara Burke si ferma e, con “Micorrhizae Realm”, fa il punto della situazione. A differenza dei suoi predecessori, qua non c’è nulla che i suoi Fursaxa non abbiano già intuito e sviluppato nel loro recente passato. Equamente diviso fra la rarefazione di “Alone In The Dark Wood”, il rigore di “Lepidoptera” e il fervore metafisico di “Kobold Moon”, il nuovo album è un’ottima passeggiata fra i sentieri del free folk psichedelico, ancora una volta intriso di misticismo à la Hildegard Von Bigen e di minimalismo ieratico. Molto bello, ma non stupefacente. In ogni caso si tratta di un’ulteriore dimostrazione di bravura da parte della Burke, e ogni estimatore dei Natural Snow Buildings non dovrebbe lasciarsi sfuggire “Micorrhizae Realm”.

 

Condividi.