[Indie Rock] The Jains – Holy Changing Spirit! (2010)

/5
http://www.myspace.com/thejains Portate per mano dal produttore, ovvero Amaury Cambuzat (Ulan Bator), Kris Reichert (volto di MTV nel duo Kris & Kris) e Anna di Pierno, voce-chitarra e batteria arrivano al terzo disco. Dall’esordio avevano dimostrato di continuare nei solchi già battutti della tradizione rock’n’roll, regalando al pubblico una manciata di discrete canzoni ma con pesanti debiti

http://www.myspace.com/thejains

Portate per mano dal produttore, ovvero Amaury Cambuzat (Ulan Bator), Kris Reichert (volto di MTV nel duo Kris & Kris) e Anna di Pierno, voce-chitarra e batteria arrivano al terzo disco. Dall’esordio avevano dimostrato di continuare nei solchi già battutti della tradizione rock’n’roll, regalando al pubblico una manciata di discrete canzoni ma con pesanti debiti a numi tutelari del genere. Questo nuovo album vive di due anime, quello più fiammeggiante e rock debitrice della matrice rrrrriot e del grunge molto filo-Hole e quello più angelico che racchiude ballate acustiche (con piano) dove il duo davvero svela un lato importante ed incisivo. Da qui vengono le migliori canzoni, davvero convincenti, che fotografano una maturazione artistica e quel cambiamento sbandierato nel titolo.

L.F.

 

Noia e fastidio. Ecco sintetizzato in due parole quello che il duo rock al femminile “The Jains” riesce a suscitare con il nuovo album “Holy changing spirit!”.  Tanto rock (se cosí si puó chiamare) di pessima qualitá in una scopiazzatura continua di quello che furono le Hole. Motivi per acquistare questo album: nessuno. Anzi, forse uno ce ne sarebbe: puro masochismo.

V.L.

Condividi.