The Xcerts Scatterbrain

the xcerts scaterbrain recensione 3/5
Viene distribuito anche in Italia, ad un anno di distanza dalla pubblicazione in Regno Unito, il secondo album dei The Xcerts. “Scatterbrain” conferma il talento di un nome che nello scacchiere del mercato discografico britannico è, ingiustamente, sottovalutato: il loro è un pop rock più elettrico rispetto agli esordi, al punto di flirtare con la

Viene distribuito anche in Italia, ad un anno di distanza dalla pubblicazione in Regno Unito, il secondo album dei The Xcerts. “Scatterbrain” conferma il talento di un nome che nello scacchiere del mercato discografico britannico è, ingiustamente, sottovalutato: il loro è un pop rock più elettrico rispetto agli esordi, al punto di flirtare con la scena grunge e alternative rock Oltreoceano, ma che non nasconde la presenza di parti più intimistiche e ricercate nel corso dei 40 minuti di durata dell’album. Brani come la title track, “Slackerpop” e “I Scare Easy“, ma anche brani più semplici come “Hurt With Me“, ci consegnano in dote un lavoro ricco di sfumature al quale è più che lecito dare una serie di ascolti.

Condividi.