Thrice – Major/Minor

Thrice Major Minor Recensione 4/5
Se non avete mai sentito parlare di questo gruppo, questa è l'occasione giusta per approfondire.

Se c’è una cosa alla quale il gruppo statunitense ci ha abituato nel corso degli anni, questa è sicuramente l’arte del sapersi reinventare. Chi conosce bene i Thrice saprà senz’altro che ogni album si differenzia in modo netto dall’altro. L’ottavo disco, “Major/Minor”, continua la tradizione dei suoi predecessori. La formazione californiana ha fatto un sacco di strada e gli inizi post hardcore ormai sono solo un lontano ricordo. L’album, infatti, si può classificare a tutti gli effetti come un disco alternative rock. Ogni pezzo ha arrangiamenti dotati di mordente e la voce di Dustin Kensrue è la protagonista delle canzoni, tuttavia senza strafare. Anche nei momenti più rabbiosi, come ad esempio “Call It In The Air”, Kensrue canta con disperazione ma sempre in modo contenuto. Se non avete mai sentito parlare di questo gruppo, questa è l’occasione giusta per approfondire.

Condividi.