White Lies Big Tv

white-lies-big-tv-recensione 3.5/5
Un ambizioso e delizioso concept album che, pur seguendo la stessa rotta dei precedenti lavori, si affida più a sfoghi romantici che ai ritmi frenetici e ansiosi degli esordi.

Terzo capitolo discografico per il trio londinese White Lies, “Big TV”, un ambizioso e delizioso concept album che tenta, attraverso 12 tracks, di raccontare la storia di una giovane coppia che decide di lasciare il paesino e trasferirsi in una grande città, con tutti i cambi di equilibri e sentimenti che questo comporta. Il primo singolo estratto è “There goes our love again”, ballad dal ritmo incalzante che svela un sentimento puro e che lega i due protagonisti nonostante le difficoltà portate dal nuovo stile di vita.

Il sound e arrangiamenti sembrano seguire la stessa rotta dei precedenti lavori, anche se la struttura portante del disco sembra molto più simile a “To Lose My Life” che non al più sperimentale “Ritual”, e il ritorno di Ed Buller alla produzione ne è la riprova. Insomma, Big TV rappresenta un altro viaggio verso le coste British degli anni ’80, con minor gittata per le atmosfere tragiche ed epiche tipiche dei capolavori “To Lose My Life” e “Death”, bensì più sfoghi romantici e ritmi meno frenetici e ansiosi.


Condividi.