[World Fusion] Angelique Kidjo – Oyo (2010)

/5
http://www.kidjo.com/ Il ritorno di Angelique Kidjo avviene all’insegna della contaminazione, persino più che in passato, e della nostalgia. “Oyo” è, infatti, un disco di cover scelte soprattutto fra quelle che la cantante del Benin ha imparato ad amare sin dall’infanzia. Spazio dunque a brani di Curtis Mayfield, James Brown, Otis Redding e Aretha Franklin, oltre



http://www.kidjo.com/

Il ritorno di Angelique Kidjo avviene all’insegna della contaminazione, persino più che in passato, e della nostalgia. “Oyo” è, infatti, un disco di cover scelte soprattutto fra quelle che la cantante del Benin ha imparato ad amare sin dall’infanzia. Spazio dunque a brani di Curtis Mayfield, James Brown, Otis Redding e Aretha Franklin, oltre all’immancabile Miriam Makeba; più insolita la scelta di “Petite Fleur”, appartenente al repertorio del pioniere del sassofono Sidney Bechet. Un disco multicolore e dalle mille influenze diverse, in grado di passare dal blues all’afrobeat al latinoamericano al jazz al soul al semplice pop nel giro di pochi secondi. Tale eterogeneità e certi ammiccamenti all’orecchiabilità più semplice costituiscono il maggior limite dell’album, un po’ troppo frammentario e dispersivo; altrimenti la bravura di Angelique è fuori discussione e tutto è fatto a regola d’arte.

  

Condividi.