Hour Of Penance – Paradogma

5/5
Dobbiamo tutti toglierci il cappello davanti agli Hour Of Penance. La band romana ha davvero messo insieme una manciata di pezzi che gli appassionati di death metal ricorderanno a lungo. Ci auguriamo che “Paradogma” costituisca il loro definitivo lasciapassare per sfondare a livello mondiale: dieci tracce che contengono tutti i capitoli della storia del death

Dobbiamo tutti toglierci il cappello davanti agli Hour Of Penance. La band romana ha davvero messo insieme una manciata di pezzi che gli appassionati di death metal ricorderanno a lungo. Ci auguriamo che “Paradogma” costituisca il loro definitivo lasciapassare per sfondare a livello mondiale: dieci tracce che contengono tutti i capitoli della storia del death americano passati in rassegna, rielaborati e attualizzati. La furia esecutiva e le velocità assurde sono sempre alla base, ma l’esecuzione viene spesso intervallata con qualche rallentamento e dei cambi di registro che contribuiscono a infoltire, ancora maggiormente, le strutture delle singole canzoni, erigendole ora a veri e propri monoliti sonori ascoltabili anche a random.
Se proprio vogliamo trovare un difetto, puntiamo sulla produzione che rende caotici alcuni passaggi estremamente intricati e avrebbe potuto essere migliore. Che altro aggiungere? Gli Hour Of Penance si rivolgono a un pubblico di nicchia ma molto esigente: dalla loro hanno una tecnica incredibile e una capacità di comporre che ha al momento pochi eguali. I Nostri puntano decisi al podio delle pubblicazioni brutal dell’anno, al momento non hanno rivali.

Piero Lisergi

Condividi.