Bastille Milano, Alcatraz 23 novembre 2013

I Bastille, gruppo pop rock rivelazione del 2013, si sono esibiti il 23 novembre 2013 all’Alcatraz di Milano, in uno stupefacente e anticipato sold out. Come previsto la chilometrica coda davanti al locale milanese è per lo più formata da fan teenager pseudo alternativi. Puntualissimi, alle 19.30 salgono sul palco i To Kill a King, band emergente con sonorità rock/folk che scalda adeguatamente la platea prima dell’arrivo degli headliner.

Con un po’ di ritardo, Dan Smith e compagni entrano in scena e si inizia con “Bad Blood”. A parte la temperatura, che sembra aver raggiunto nuovi picchi, e l’acustica non proprio perfetta, il concerto procede bene e il pubblico è decisamente caldo. Dan è carismatico, sa stare sul palco e non delude troppo le aspettative. Tra le canzoni spunta “The Draw”, traccia tratta da “All This Bad Blood”, riedizione prossima all’uscita del loro album di debutto. Il resto della scaletta è sostanzialmente la tracklist di “Bad Blood” (anche perché c’è solo quello da cui attingere), ad eccezione di “Oblivion”, unico brano inspiegabilmente scartato nonostante l’esplicita richiesta dei fan che intonano cori a riguardo. Nel momento top della serata le luci si spengono e dopo un attimo di suspance esce un Dan incappucciato che, sulle note di “Flaws”, inizia una folle corsa in mezzo al pubblico.

bastille

Dopo una brevissima finta uscita, torna sul palco e ancora stremato dalla corsa inizia l’encore con “Get Home”. Continua con una “Of the night” che riempie le orecchie del pubblico che, guidato dalle sonorità dance della canzone, si scatena a dovere. Ne manca una al termine. Tra gli applausi, vengono chiamati sul palco i To Kill a King per il gran finale: “Pompeii”. Imprevedibile eh? La frenesia della folla cresce ancora e si solleva il martellante coro “eeeoeoeeoeeeoeeo“, mentre i quattro londinesi possono finalmente sciogliere le briglie portando un’atmosfera da ultimo giorno di scuola sul palco. Con la preziosa hit-ammazza-classifica danno il meglio di sé, infiammando il pubblico e sfumando il finale in un boato di applausi.

Dopo poco più di un’ora di concerto si spengono le luci, il pubblico è accontentato, nessun coro finale, nessuna riverenza, tutti se ne vanno contenti o quasi. La band inglese è agli inizi e si vede, il concerto-sveltina è stato sicuramente all’altezza del target di pubblico presente e al repertorio limitato della band. Ma sorge spontaneo un dubbio atroce che getta qualche ombra sul futuro concerto al Forum di Assago, previsto per il 22 marzo 2014: una durata così breve potrà bastare per un palazzetto? Crescete bene che ripasso.

Andrea Marchetti 

bastille

Condividi.