Cesare Cremonini, le foto e il report del concerto a Conegliano del 2 novembre 2014

Smaltita la tensione delle prime tre date del tour (due erano roba da poco: Forum di Assago sold out per entrambi gli show), ora ci si può divertire: Cesare Cremonini, cantante esploso con i Lunapop e lanciato da diversi anni in una brillante carriera solista, riesce ad imballare anche la Zoppas Arena di Conegliano, la prima delle due date in programma in Veneto per questo tour (l’altra, anch’essa sold out, si terrà a Padova tra poco più di tre settimane).

Vestito con una giacca effetto metallizzato, e con una barba lunga grazie alla quale lo si potrebbe confondere con il Simon LeBon di qualche anno fa, Cesare ha scelto la compagnia fidata di alcuni storici colleghi (spicca tra tutti Ballo, compagno di avventure da almeno tre lustri) per il suo Logico Tour. Ed è proprio la title track dell’ultima fatica ad aprire un concerto di circa due ore, nel quale la scaletta suonata non riporta variazioni rispetto a quanto già suonato ad Assago e Rimini la scorsa settimana, nelle quali ha viaggiato in una decennale carriera ricca di alti e con pochissimi bassi.

L’artista, al traguardo dei 34 anni, è ormai maturo: look più adulto (niente capelli biondo tinto), cadenza emiliana limata (pesantissima ai tempi dei Lunapop) e una tenuta del palco degna del frontman più rodato, segno che questi anni trascorsi nei maggiori palchi nazionali non sono stati buttati via. Il successo è confermato anche dall’affetto dimostrato dal pubblico, che con gli acquisti dei biglietti già in prevendita ha decretato il sold out di diverse date già alcuni giorni prima del concerto stesso. A quando gli stadi?

P.S.: al Cesare nazionale vogliamo un bene della madonna anche per i gusti musicali: non è detto che i brani suonati prima del concerto li abbia scelti lui, ma sentire “Country House” dei Blur e “Lust For Life” di Iggy Pop nel preshow, ad un pubblico che neanche saprà chi sono ‘sti gruppi, ci ha fatto riempire il cuore di gioia.

Condividi.