Israel Varela Trio Casa Del Jazz Roma 20 gennaio 2013

Israel Varela

E’ una serata carica di pioggia, di quelle che proprio non ti invogliano ad uscire. Però quando questo Speedy Gonzales messicano di Tijuana (ma che di nome fa Israel) si presenta sul palco della Casa del Jazz col suo sorriso disarmante, il suo entusiasmo e la sua comunicativa comincio a pensare di aver fatto la scelta giusta. Israel Varela, dunque, alla batteria e poi al basso a sei corde il brasiliano Alfredo Paixao. Tascabile il primo, enorme il secondo, un gigante che entra a fatica in un palco particolarmente stipato di strumenti. Poi Angelo Trabucco, pianista dal tocco delicato, molto fine, elegante e straordinariamente ritmico. Questo è il trio stellare, in una notte dove il cielo le stelle proprio non le vuol proprio mostrare.

Partono d’impeto, una serie di brani sospesi tra il flamenco, il jazz, la musica orientale. Arabeschi, finezze, obbligati, stacchi, pause e assoli. Arricchisce il sound Kamal Musallam, giordano, col suo oud. Lui sembra un angioletto (un angiolotto) che se ne sta serafico, rannicchiato attorno al suo strumento, coi suoi riccioloni.

E la musica si sposta e deriva dolcemente verso un’atmosfera da Mille e una notte.

Cristina Benitez ci porta il suo baile flamenco, ma non solo. Il suo è un apporto coreografico ma, al contempo, estremamente percussivo. Il suo corpo disegna nell’aria movimenti sensuali, ma è la percussione delle castañuelas ad incantare, perfettamente incastonata nella complessa struttura ritmica del gruppo.
Infine ancora una deriva, questa volta verso il modern jazz, con il sax tenore di Marcello Allulli. Un suono pulitissimo, assoli estremamente coinvolgenti e anche una buona capacità di accompagnare, attraverso un ostinato molto ritmico.

Così ascoltiamo i brani di Zamar, ultimo CD di Varela. Anche la voce di Israel è molto suggestiva (tra l’altro mentre è frequente trovare batteristi che fanno da coristi ben altra cosa è incontrare un lead vocal). I brani sono tutti intrisi di suggestiva spiritualità, evocativi, magici. Una musica molto bella, sia sotto l’aspetto compositivo che nella sua interpretazione. Uno show equilibrato, arricchito dalla gestualità del flamenco ma con molte influenze ed ispirazioni. Un gruppo affiatato, reduce da un tour che ha consentito un gran lavoro di limatura.

Fatto sta che tra virtuosismi, momenti delicati e lirici, acrobazie e funambolie vaire accompagnate da un drumming mai ripetitivo ci ritroviamo ad applaudire, certi di aver assistito a qualcosa di veramente bello ed entusiasmante.

Complimenti, piccolo Israel, grande musicista. Continua così e non perdere il cammino.

Israel Varela batteria, voce
Alfredo Paixao basso, voce
Angelo Trabucco, pianoforte
Kamal Musallam, oud
Cristina Benitez, ballo flamenco
Marcello Allulli, sassofono

Marco Lorenzo Faustini

Condividi.