Nick Cave – Alcatraz, Milano 28 maggio 2008

 

C’era il pienone delle grandi occasioni all’Alcatraz. Un fracco di persone per Nick Cave che portava in Italia il nuovo “Dig, Lazarus, Dig!!!” insieme ai suoi Bad Seeds allargati rispetto alla formazione vista all’opera su “Grinderman”.
Posto che ero osservatore neutrale, coinvolto solo all’ultimo momento (conosco bene Cave ma dal vivo per una storia o per l’altra non me l’ero mai goduto), devo dire di essere rimasto effettivamente impressionato dalle sue innate capacità di frontman e dal suo inevitabile magnetismo, coinvolto dall’ottima resa live di alcuni classici ma anche abbastanza interdetto dall’affiatamento e dalla “giovialità” mostrata dai componenti del resto del gruppo. Mick Harvey è stato l’esempio lampante di quanto appena esposto, risultando alquanto svogliato, mentre Martyn Casey ha dominato la scena al basso, dimostrando di essere davvero in palla.
Considerazioni e conti in tasca a parte, la serata è stata di alto livello, lunga e dettagliata, in quanto sono stati proposti davvero molti brani. Tra gli highlights assoluti cito l’accoppiata “Tupelo/Red Right Hand”, successiva all’apertura del concerto lasciata alle prime due tracks dell’ultima release (i cui pezzi acquistano e di molto on-stage), “Deanna”, “Get Ready For Love” e “Into My Arms”. La platea ha dimostrato supporto a Nick e alla band sin dalle prime note del set, dimostrandosi preparata anche sui nuovi brani.

Setlist: Night Of The Lotus Eaters – Dig, Lazarus, dig!!! – Tupelo – Red Right Hand – Today’s lesson – Midnight Man – Nobody’s Baby Now – Lie Down Here (& Be My Girl) – The Mercy Seat – Deanna – Moonland – The Ship Song – We Call Upon The Author – Papa Won’t Leave You, Henry – More News From Nowhere – The Lyre Of Orpheus – Get Ready For Love – Hard On For Love – Into My Arms – Jesus Of The Moon – Stagger Lee

P.L.

 

Leggi un altro report 

Condividi.