Queens Of The Stone Age – Alcatraz, Milano 18 giugno 2007


Impatto devastante, muro di suono corposo (anzi globale, non si distingueva praticamente una sega, ndr) e tante botte nelle prime file. I Queens Of The Stone Age non hanno incantato, è il caso di dirlo subito: chi è abituato alle loro performance avrà sicuramente gradito ma non sarà rimasto sconvolto più di tanto. Certo la prestazione è stata onesta ed energica ma non è sembrato che i ragazzi fossero al massimo anche in termini di coinvolgimento, se si esclude l’interazione avvenuta prima di “Regular John”, apparentemente richiesta dal pubblico.

L’Alcatraz non ha aiutato la situazione, rendendo i suoni malati ben poco intuibili sin dalle prime battute, però è difficile dare totalmente la colpa alla discoteca milanese, magari il fonico avrebbe potuto fare di più.
In ogni modo l’Italia ha dimostrato nuovamente il proprio attaccamento al gruppo di Josh Homme. L’ultimo disco è uscito da poco ma nonostante ciò la risposta sui nuovi pezzi è stata più che buona; tuttavia si può affermare che invece la qualità degli stessi sentiti dal vivo non è elevata nonostante la resa sia il triplo più ganza.
Chorus a memoria, scene d’isteria femminile manco ci fossero i Crue dei tempi d’oro davanti e atmosfera estrema specialmente nell’infuocato finale. Un’oretta e mezza di set, precedute da un djset francamente evitabile.
In conclusione compitino superato in scioltezza, sperando che i Qotsa non si siedano sugli allori e tornino a comporre roba seria quanto prima.

Setlist: Monsters In The Parasol – Burn The Witch – Misfit Love – Tangled Up In Plaid – Avon – 3’s & 7’s – Sick Sick Sick – The Lost Art Of Keeping A Secret – Turning On The Screw – I’m Designer – Little Sister – Battery Acid – Song For The Deaf – Mexicola – Go With The Flow – Run Pig Run – Regular John – No One Knows

P.L.

Condividi.