Son – Hard Rock Cafè, Roma 28 ottobre 2008

Ci troviamo all’Hard Rock Cafè di Roma, per uno showcase semi acustico di presentazione a  Wasted Time, debutto discografico di Son.
Il ventiduenne campano è un ragazzo schivo e diremmo anche timido. Sale sul palco, imbraccia la chitarra e inizia a suonare senza alcun preambolo. Il concerto scorre benissimo, vengono presentati diversi brani del disco e alcune cover. La band è solida, nessuna sbavatura o imperfezione, nemmeno durante l’intervento del quartetto d’archi per l’esecuzione di Song Of Solitude.

Nel pubblico si mescolano normali avventori del locale, amici del nostro e addetti ai lavori, tutti sembrano gradire, quel che è certo è che applaudono trasportati da un rock blues di chiara matrice stelle e strisce.
La presentazione scorre forse troppo velocemente, i brani vengono suonati uno di seguito all’altro senza alcuna presentazione o preambolo (con l’unica eccezione per la title track) e senza alcuna interazione col pubblico (escludendo gli infiniti ringraziamenti finali). Quest’ultimo aspetto, a nostro avviso, è piuttosto grave; il genere suonato gioverebbe di un clima caldo, rumoroso e di continua interazione spettatore-artista.

In definitiva uno spettacolo buono sotto il profilo musicale, ma assai carente sotto quello dell’intrattenimento, lacuna questa che speriamo venga colmata al più presto.

Si ringrazia Metatron Group.

Stefano Di Noi

Condividi.