The Hormonauts – Hiroshima Mon Amour, Torino 20 aprile 2007

 

 

E’ una miscela esplosiva di rockabilly, rocksteady e country, quella che ha accolto il pubblico dell’Hiroshima accorso per celebrare degnamente un gruppo che da anni porta avanti con grande passione un discorso musicale che immediatamente ci riporta indietro agli ormai mitici anni ’50  e ’60 di Elvis, Chuck Berry e Jerry Lee Lewis, con una buona dose di brillantina per tutti o a scelta, un cappello da cowboy.

I tre sul palco non si risparmiano e riescono a far ballare i presenti per tutta l’ora e mezza della loro esibizione, forti di una grande vena ironica e una voglia in primis da parte loro di divertirsi e far divertire il pubblico presente, con brani immediati e trascinanti. La sezione ritmica è veramente sopra le righe, contrabbasso e batteria fanno il grosso del lavoro con una precisione e un gusto tali da facilitare quasi il compito al chitarrista/cantante Andy e alle sue semiacustiche che vengono strapazzate per bene per tutta l’esibizione. Sorpresa finale con Nikki (conduttore di Tropical Pizza su Radio Deejay) che per l’occasione canta “Just a gigolo” e “Great balls of fire”, duettando con Andy e ingaggiando con lui un pacifico scontro a suon di assoli di chitarra, per concludere con il gran finale riservato a “Stayin’ alive” e al tema di “Batman”.

Se capitano dalle vostre parti, non perdeteveli, il divertimento è assicurato.

L.N.

Condividi.