Cesare Cremonini presenta il nuovo album “Logico”

cesare-cremonini-nuovo-album-logico

Già dal mese di aprile, chiunque accendesse la televisione poteva imbattersi nel nuovo spot di una famosa marca di gelati, la cui colonna sonora era una canzone dal titolo “Logico #1”. Il 6 maggio 2014 l’autore di questo brano, ovvero Cesare Cremonini, ha pubblicato il suo quinto album di inediti intitolato “Logico”.
Ogni disco nuovo è una reazione allergica a quello precedente. Mi viene naturale perché sono alla continua ricerca di nuovi stimoli. Ho bisogno di credere fermamente che sia un oggetto da scoprire. In un’epoca in cui la fa da padrona il minimalismo, in cui ci si parla solo attraverso i pochi caratteri di twitter e gli articoli di giornale sono sempre più brevi, l’album rimane un contenuto ampio. Un modo per farmi conoscere, come se fosse un invito a casa mia”. Motivo per cui, Cesare Cremonini tende a non ripetersi mai: “La teoria dei colori è considerato un disco di successo. Sarebbe stato facilissimo farne una copia ma sono sicurissimo che sarebbe stata una brutta copia. Logico, invece, ha come caratteristica l’abbattimento di alcuni tabù. Se avessi fatto ascoltare questo disco al me stesso di dieci anni fa, avrebbe pensato “cosa sto combinando?”. Invece credo sia interessante distruggere alcune barriere musicali”.
Da cosa deriva esattamente il titolo del disco? E perché questa copertina?
La copertina rappresenta il continuo incontro-scontro tra logica e sentimenti. Che poi è quello che fa anche un musicista: scrive uno spartito seguendo alcune regole, lo legge e lo esegue. Ma non si limita solo a questo. A un certo punto subentra anche il sentimento e l’interpretazione. Per quanto riguarda il titolo, innanzitutto “logico” è stata una delle prime parole che ho detto perché mio padre, che è medico, la ripeteva spessissimo. Inoltre, più che un disco di risposte, questo è un insieme di interrogativi. Non a caso, nella prima canzone c’è la domanda “chissà se amare è una cosa vera” e il titolo dell’ultima è “cos’hai nella testa?”. Però un cambiamento devo ammettere che c’è stato: ho sempre detto di scrivere pezzi tenendo gli occhi chiusi ma, a 34 anni, credo sia arrivata l’ora di cominciare a socchiuderli e gettare un occhio sulla realtà”.
Varie le storie raccontate all’interno di Logico:“Greygoose” sarebbe la canzone ideale da ascoltare in vacanza, periodo in cui si vive con ironia. I conti si fanno a settembre. “Fare e disfare” è l’anello di congiunzione tra questo e l’album precedente. “Vent’anni per sempre” parla dell’illusione che hai a 20 anni di poter scegliere tutto ciò che ti pare. Ma, in realtà, vieni scelto tu da ciò che va di moda. A 30 anni, invece, pensi che sia finito il tempo delle scelte. Invece è proprio quello il momento in cui si è davvero liberi. “Se c’era una volta l’amore (ho dovuto ammazzarlo)” parla della separazione dei propri genitori. E’ un’esperienza traumatica, per chi la vive. Ed è anche un riferimento letterario, in quanto “C’era una volta l’amore ma ho dovuto ammazzarlo” è stato uno dei libri che più ho amato durante l’adolescenza. “Cuore di cane”, invece, è una mia definizione autolesionista. In realtà mi piacerebbe essere meno randagio ma mi rendo conto che ciò che scrivo è la conseguenza delle scelte che faccio. Per esempio, se una fidanzata mi da’ spunti per scrivere poche canzoni, è una relazione destinata a non durare. Al contrario, se scrivo tante canzoni, è una storia che può andare lontano. Mi rendo conto che posso sembrare un bastardo, ma sono solo un ragazzo che ha deciso di sposare la musica da giovanissimo”.
E la carriera da attore?Mi piace recitare, per divertimento. Ma non è un bisogno impellente come lo è la musica. C’è chi mi contatta per cercare un rapporto con me e c’è chi, invece, ha un vero e proprio progetto. Ed è ciò che mi interessa. Detto ciò, non mi spiacerebbe ripetere l’esperienza, in futuro“.

Per la prima volta, dall’epoca dei Lùnapop, Cesare Cremonini affronterà un grande tour che lo porterà in giro per tutta Italia, a partire dal 28 ottobre al Forum di Assago e che vedrà la sua conclusione il 27 novembre al Gran Teatro Geox di Padova. “Non vedo l’ora, sono emozionatissimo. Non so ancora di preciso cosa svilupperemo ma so che sarà un tour eccezionale, il più importante di tutta la mia carriera”.


Condividi.