Children Of Bodom il nuovo album presentato da Alexi Lahio ed Henkka Seppala

Il 2013 è un anno importantissimo per i Children of Bodom, in quanto è il ventesimo anniversario dalla loro formazione. Quindi quale occasione migliore per pubblicare un nuovo album di inediti e celebrare la ricorrenza? Il 7 giugno, infatti, ha visto la luce sotto l’etichetta Nuclear Blast “Halo of Blood“, ottava release del gruppo finlandese capostipite del genere melodic death metal.

Alexi Laiho ed Henkka Seppala, rispettivamente cantante/chitarrista e bassista dei Children of Bodom, sono a dir poco entusiasti del risultato: “Siamo molto soddisfatti di questo album” dichiara Alexi “la fase di lavorazione è stata adrenalinica. Se da una parte avevamo voglia di scrivere nuovo materiale, dall’altra ci sentivamo un po’ in ansia. Sai, quando provi la tua parte da solo non sai mai cosa ne esce quando la band è riunita in studio“. Gli fa eco Henkka “E’ verissimo. Ma in questo caso possiamo dirci assolutamente contenti. È un album dal vasto range musicale, che contiene al suo interno sia le canzoni più veloci che abbiamo mai scritto sia i pezzi più lenti della nostra carriera“.


Ampia direzione rappresentata alla perfezione dalla title track e Dead Man’s Hand on You. Secondo Alexi “Halo of Blood è la traccia più bella: aggressiva, veloce, con riff molto cattivi“; al contrario, Seppala sostiene che “Dead Man’s Hand on You é un pezzo che significa molto per me. Quando l’abbiamo incisa ho avvertito un’atmosfera particolarissima, come se avessi voluto fare da sempre una canzone del genere“. Entrambi i musicisti, però, sono concordi sul fatto che il primo singolo “Transference” sia stato il manifesto adatto per fare da apripista al disco: “E’ il brano che sintetizza al meglio il mood di Halo of Blood e, allo stesso tempo, è la continuità con ciò che abbiamo sempre fatto”.
Sarà una frase abusata in questi casi, ma i Nostri sentono davvero di aver scritto il miglior disco possibile in questo periodo storico. Alexi dichiara “Sarà evidente a chi ci conosce che Halo Of Blood è il nostro miglior album da diverso tempo. Avevamo quasi perso la voglia di osare, di sperimentare, di rischiare negli ultimi due album, a questo giro non ci siamo posti limiti e penso che il risultato sia davvero ottimo.”
Per vedere dal vivo i Children Of Bodom dal vivo dovremo aspettare l’8 novembre, data in cui si esibiranno al Live di Trezzo.


 

Condividi.