Cinema Bizarre (Press Conference)

 

30 maggio 2008

Credevamo ormai di esserci buttati alle spalle quel gigantesco fenomeno chiamato Tokio Hotel , di aver dimenticato tutto quel miscuglio di chiome bicolori, unghie laccate, kajal e visi efebici accompagnato da scene di isteria da parte di ragazzine arrapate che ci hanno tormentato per tutto il periodo invernale.
Con l’inizio della stagione estiva pensavamo che presto sarebbero arrivate tutte quelle hit spagnoleggianti, allegre, fatte di donnine svestite e abbronzati cantanti panciuti.
Ignari eravamo certi che per un po’ non avremmo più sentito parlare di plumbee band dall’aria sofferente, che di Bill Kaulitz ce n’era solo uno, unico e inimitabile.
Che illusi, non ci sono più le stagioni musicali di una volta!
Direttamente da Berlino infatti, ecco la nuova band del rock teutonico, un misto tra i Tokio Hotel e i manga giapponesi. Hanno tra i 18 e i 22 anni, volti pallidi e corpi scheletrici, molti parrucchieri, anzi no pardon hair stylist, che li seguono costantemente, e sono ahimè già famosissimi tra le adolescenti.
Sicuro che ne sentiremo molto parlare, non solo per le “meraviglie” della loro musica, ma più che altro per i loro look femminei che scatenano un’insana attrazione tra il genere femminile (ma il modello del maschio virile??? Io inizierei a preoccuparmi…, ndr).
Comunque il loro album “Final Attraction” uscirà il 6 giugno, mentre il singolo “Love songs (they kill me)” sta già passando in radio e in tv.

Iniziamo dal vostro nome: perché Cinema Bizarre?
Beh noi siamo un po’ bizzarri…usiamo tanto make up, ci piacciono le pettinature strane e appariscenti. Il nostro look vuole comunicare che è giusto esprimere la propria personalità nel modo in cui si vuole.
Quando hai uno stile particolare, molto spesso cercare di mantenerlo è una sorta di guerra: la gente parla e giudica in continuazione.
Bisogna sempre combattere nella vita, se hai un tuo stile, una tua religione o un tuo modo di pensare.

Cosa significa la musica per voi?
La musica è passione, è tutto nella nostra vita.

Non avete mai pensato di cantare anche in tedesco?
Per ora non ci abbiamo pensato: abbiamo scritto i testi in inglese perché solo questa lingua ci dà la possibilità di raggiungere più persone che possiamo e comunicare a tutti la nostra musica.

Cosa pensate del rock giapponese?
Il rock giapponese è molto differente da quello europeo, non ha regole o schemi…è totalmente pazzo.

Quali sono le vostre maggiori influenze?
Non abbiamo delle band che ci hanno influenzato particolarmente.
Mettiamo insieme tutti i generi, cose melodiche come i Muse, ma anche rock, pop, metal, tutto quello che ci viene in mente.

Cosa pensate dell’emo rock? Vi sentite emo?
No non direi, siamo delle persone “emotional” ma non etichetterei la nostra musica come emo.
Siamo un genere a sé, non rientriamo né nell’emo rock, né in altre categorie.
Siamo solo i Cinema Bizzarre.

Come scegliete il vostro look?
Generalmente nel vestirci mischiamo molti stili, e questo rende il nostro look qualcosa di assolutamente personale che esprime al meglio le nostre personalità e riassume le nostre vite.
Non ci importa di quello che pensano gli altri, lo stile è anche divertimento, provare cose nuove e sperimentare: un po’ come la musica.

Quanto è importante la diffusione della vostra musica tramite internet?
Molto: internet è stata la nostra prima apparizione e ci ha portato fortuna.
Abbiamo avuto subito un grande successo tramite My Space: ci ha permesso di raggiungere tante persone in un brevissimo periodo. È un modo anche per stare più vicino ai fans.

Cosa pensate degli italiani?
Hanno tanta energia, sono molto più appassionati, energici di qualunque altro fan.

Cosa pensate del recente successo di altre band tedesche come i Tokio hotel?
Siamo molto fieri che la musica tedesca si stia diffondendo oltre i confini, negli ultimi anni in Germania si sono formate molte band interessanti.
Non possiamo che fare il tifo per loro!

[Intervista] Cinema Bizarre di Outune

V.L.

Condividi.