Gianluca Grignani, intervista al romantico del rock in uscita col nuovo cd

Habitué del Festival di Sanremo, Gianluca Grignani quest’anno non passa dall’Ariston ma pubblica (domani 29 gennaio) il suo nuovo album, “Romantico Rock Show”. Quando lo raggiungiamo, Gianluca è in montagna, sulle piste innevate tra Ponte di Legno e il Presena, dove ha girato parte del video del primo singolo estratto dal cd, “Sei Sempre Stata Mia” (“Le montagne dove scio da sempre e Londra, due location così diverse per un’idea interessante, vagamente ispirata ai video dei 30 Seconds To Mars, che abbiamo sviluppato con il regista del clip Gaetano Morbioli”, commenta Gianluca).

 

E’ cambiato qualcosa nel tuo approccio alla musica rispetto al tuo disco precedente, “Cammina Nel Sole”?
Negli ultimi lavori avevo avuto con me un produttore; questa volta, invece, ho scelto di produrre personalmente il disco, nel mio nuovo studio, La fabbrica del suono. Mi sono divertito a fare rock, la musica che più mi appartiene. C’è voluto un anno di lavoro in studio per realizzare l’album: per questo la scorsa estate sono stato male durante un concerto, stavo lavorando al disco e in più avevo il tour. Alla fine non ho retto.

Ci hai appena spiegato perché questo disco è rock, ora è il turno di romantico e show…
Tutto è show: la politica è spettacolo, lo sport è spettacolo, il mio lavoro è spettacolo. Ogni cosa oggi è spettacolarizzata. Romantica è l’ottica da cui guardo le cose: ogni canzone è filtrata dall’ottica del rapporto di coppia, ma poi da lì allargo l’orizzonte delle considerazioni anche ad altro. Tutt’attorno all’amore c’è la vita, da descrivere. In questo mi ha ispirato John Lennon più di chiunque altro.

Come si può parlare ancora d’amore nelle canzoni, e non ripetersi?
Io non so scrivere solo d’amore: parlo anche della vita, e quindi lo spettro dei pensieri si allarga. Io voglio far divertire la gente, raccontare il mio punto di vista sulle cose sdrammatizzando, voglio far ballare e far emozionare le persone.

Musicalmente come pensi che sia questo disco?
E’ molto energico, è rock. Il rock è vita, è forza, è voglia di dire la mia e di coinvolgere il pubblico. Queste canzoni sono particolarmente adatte per essere proposte dal vivo, non vedo l’ora di partire in tour. Sto organizzando qualcosa di speciale, che sia degno di un nome come “Romantico Rock Show”: suoni, effettistica (che mi affascina da sempre), e l’uso del computer combinato con il rock.

Quando partirà il tour?
Spero a breve.

Francesca Binfaré

 

Condividi.