Micaela: da Antonella Clerici al Festival

Micaela (ha tagliato il cognome, Foti, per il suo nome d’arte) è l’interprete di “Fuoco e Cenere”, brano in cui sfodera una voce niente male. Per la verità, il pubblico televisivo aveva già conosciuto Micaela in tv con Antonella Clerici e il suo Ti Lascio Una Canzone, anno 2009.

Micaela, sensazioni per stasera (canterà per la prima volta oggi, nda)?
Sono emozionatissima! Ho sempre seguito il Festival, addirittura con la mia famiglia qualche anno fa sono venuta a vederlo qui a Sanremo. Onestamente, non avrei scommesso sul fatto che avrei passato le selezioni dei giovani, e invece sono arrivata fin qui ed è tutto incredibile.

Quali sono le tue aspettative?
Innanzi tutto, spero che vada bene stasera sul palco, e poi spero che il mio ep (in uscita ad aprile, perché noi giovani siamo stati impegni negli ultimi due mesi con le selezioni, e solo il 30 gennaio abbiamo saputo i nomi degli ammessi al Festival, quindi non c’è stato il tempo per lavorare sul disco) piaccia alla gente e incontri i gusti del pubblico.

Cos’è per te Sanremo?
Sanremo dalla mia ottica di esordiente è un traguardo ma anche un punto di partenza da cui prendere slancio per il futuro.

Come ti sei avvicinata alla musica?
Grazie alle mie sorelle che hanno sempre ascoltato ottime cose. A 11 anni ho iniziato a studiare canto moderno, e spero di riuscire a migliorare ancora studiando perché una preparazione solida in questo campo secondo me è fondamentale.

Il tuo genere musicale preferito, come interprete?
Il pop e il rock: amo molto l’energia di chitarra, basso e batteria.

E invece come ascolti quali artisti ci sono nella tua playlist?
Tanti. Ascolto davvero di tutto, sia di musica italiana sia internazionale. I miei miti sono Etta James e Ella Fitzgerald.

Francesca Binfarè

Condividi.