Negramaro Casa 69 Tour, fra teatro e collaborazioni di lusso

Abbiamo la possibilità di coinvolgere la comunità, perché questo progetto sta diventando contagioso a livello nazionale“. Ad aprire la conferenza stampa dei Negramaro al Teatro Valle, una giovane attrice che da settimane insieme ad altri colleghi dello spettacolo occupa la storica struttura nel cuore di Roma. Il tema dell’incontro è chiaro, “Casa 69 tour” sarà anche un mezzo attraverso il quale diffondere la voce della cultura “l’arte, il primo movimento dell’anima, sta per essere sconfitto e noi vogliamo dargli spazio, non come fisicità, ma come cassa di risonanza” dichiara Giuliano Sangiorgi anticipando il progetto “Teatro 69”. Si tratta di un’iniziativa che coinvolgerà, durante le tappe del tour, alcuni dei più grandi attori del nostro Paese pronti a esibirsi davanti a una platea inconsueta e numerosa. Lo scopo è sostenere il teatro italiano e sensibilizzare un pubblico vasto ed eterogeneo sul tema. Giusto per fare alcuni nomi, dopo l’esibizione di Beppe Fiorello alla prima di Roma, seguiranno Francesco Montanari, Vinicio Marchioni e Michele Placido. “Un alone di attenzione intorno al discorso è possibile solo attraverso i volti noti” così risponde il frontman a chi chiedeva chiarimenti sul mancato coinvolgimento di “sconosciuti” per le esibizioni sul palco.
La band prosegue il botta e risposta con i rappresentanti del Valle toccando molti temi. Dalla crisi della discografia alla musica in generale, quella di qualità. Un requisito da attribuire solo a quei dischi che possono essere suonati dal vivo.
Infine, Sangiorgi anticipa alcune novità su nuovi testi e collaborazioni. Il cantante sarà presente nel prossimo album di Celentano in un brano interpretato anche da Battiato e Jovanotti. “Un quartetto fantastico – ci racconta – non credevamo a ciò che stavamo facendo in quella stanza“. Comparirà anche in una seconda traccia del disco, ma in questo caso saranno solo in due. Si attende inoltre un singolo scritto per i Planet FunkQuella che sentirete è la voce provino“. Per concludere con Mina: dopo aver ascoltato la versione di “Bugiardo e incosciente” e “Un anno d’amore” in occasione di un concerto di beneficenza, l’artista commossa lo ha contattato: “Quando vuoi, buttame du’ scarti“. Che a breve saranno “Brucio di te” e “Così sia”.

Riccardo Rapezzi

Condividi.