Rio, Fiorella Mannoia (Press Conference)

Una canzone a impatto ambientale zero e un progetto degno di nota. Di questo e altro si è parlato con i Rio e Fiorella Mannoia.

21 aprile 2009
All’interno del bellissimo spazio Capo Verde, si è svolta la conferenza stampa di Marco Ligabue, Fabio Mora (chitarra e voce dei Rio), Fiorella Mannoia e Simone Molteni, direttore del progetto Impatto Zero. L’occasione era offerta dal nuovo video dei Rio realizzato per la canzone “Il Gigante”. Il pezzo si apre con una breve poesia recitata da Paolo Rossi e si snoda attraverso la computer grafica tra le vide di Milano. Sulla base di un pop energico, il ritornello di Fiorella Mannoia è diretto alla voglia di un posto (aka mondo) migliore mentre i versi delle strofe raccontano del gigante che schiaccia e distrugge tutto quanto incontra sul suo cammino, incurante di tutto e nel nome del profitto e del denaro.

Fiorella Mannoia: “Il pezzo mi è piaciuto subito, una volta presentatomi il progetto nella sua interezza mi sono sentita quasi obbligata a dare il mio contributo. Si parla sempre dell’inquinamento, dei problemi del pianeta ma alla fine non si muove mai niente, cambia poco o nulla anche dopo grandi riunioni e allora, per quanto possa contare una canzone, dobbiamo metterci in gioco anche noi come persone normali, prendere coscienza della situazione e fare dei piccoli gesti quotidiani che lentamente migliorino la situazione. Una cosa che mi è in particolare piaciuta del progetto Impatto Zero è che non fa proclami o lancia strali polemici, spiega le cose e si basa sulla semplicità del messaggio e delle azioni che fa. Musicalmente non mi ero mai cimentata con tematiche simili, è stata una bella prima volta e chissà se un domani ci saranno altre occasioni simili.”

Marco Ligabue: “Stiamo lavorando al nuovo disco che uscirà verso fine settembre, questo pezzo per noi ha un significato enorme perché nel nostro piccolo vogliamo provare a dare un contributo a un problema tanto grande. Musicalmente il disco si muoverà su coordinate diverse ma un altro pezzo con una tematica simile ci sarà. Lavorare insieme a Fiorella Mannoia per noi è stato un onore incredibile, è stato tutto spontaneo e immediato, quasi ci conoscessimo da sempre. Rimanendo in tema Impatto Zero, il prossimo cd sarà prodotto con materiali e tecniche che non producano CO2 e inquinamento, cercheremo anche di fare concerti il più possibile in linea con questo progetto”

Fabio Mora: “Siamo solo musicisti, non possiamo cambiare il mondo, ma anche se solo una decina di persone a concerto (…e noi di date ne facciamo un sacco…) recepisce nel modo giusto il messaggio per noi significa già aver centrato l’obiettivo. Bisogna ricominciare a educare sin dal principio i bambini su questo tipo di tematiche, dobbiamo prima esserne coscienti noi adulti per passare a loro il messaggio, altrimenti è inutile fare proclami, cominciamo con gesti concreti e vediamo poi cosa succede”.

Simone Molteni: “Abbiamo studiato per un bel periodo i Rio, abbiamo visto cosa producevano, cosa buttavano e via dicendo, di conseguenza abbiamo ricalcolato quanto si doveva ricompensare con la forestazione di aree boschive in Italia e nel mondo. Il nostro progetto comprende anche la ricerca dell’Impatto Zero per i consumi energetici, per i prodotti, anche per gli eventi come i concerti, il mondo della musica ci sta dando una mano enorme ed è molto importante quando  artisti che hanno una grossa visibilità condividono queste iniziative.”

Qualche informazione in più sul progetto dei Rio e su Impatto Zero.
Grandi artisti e largo spazio alle tematiche ambientali: la canzone “IL GIGANTE” nasce infatti dalla volontà della band di sensibilizzare le persone sui cambiamenti climatici. Un “inno per l’ambiente”, ispirato direttamente dal progetto Impatto Zero® al quale i RIO hanno scelto di aderire. Attraverso Impatto Zero® è stato possibile calcolare l’impatto ambientale generato dalla band e dalla produzione del nuovo singolo e  compensarlo attraverso la creazione e tutela di nuove foreste. Basti pensare che per la realizzazione del brano e le attività musicali di un anno della band sono stati impiegati più di 6.000 kwh di energia elettrica (sale prove, strumentazione, mixaggio ecc.) percorsi 70.000 km e generati 650 kg di rifiuti (tra fiumi di birra e pizza in quantità!). Un’evidente testimonianza di come tutte le azioni, anche quelle più comuni, incidano sull’ambiente. Attraverso il progetto Impatto Zero®, i Rio hanno quindi compensato la CO2 generata, pari a 18.300 kg,  attraverso la creazione e tutela di oltre 8.800 mq di nuove foreste in Costa Rica. Un gesto concreto a favore di un pianeta dove, come recita la canzone, “il Gigante sporca di nero tutto quello che tocca”.

Impatto Zero® è il primo progetto in Italia che concretizza gli intenti del Protocollo di Kyoto: riduce le emissioni di anidride carbonica e le compensa attraverso la creazione di nuove foreste. Grazie alla collaborazione con Università italiane e straniere, Impatto Zero® è in grado di calcolare le emissioni di anidride carbonica generate da qualsiasi attività, proporre delle iniziative per ridurre tali emissioni e compensare le restanti tramite la creazione di nuove foreste.

Condividi.