Roy Paci, un disco Latinista nell’animo

Tre anni dopo il botto di “SuoNo Global”, disco trainato dal successo del singolo Toda joia, toda beleza, in cui il trombettista siciliano duettava col suo vecchio amico Manu Chao, Roy Paci torna con un nuovo album in compagnia dei suoi Aretuska.


“Latinista” (“Quest’anno per coincidenza è il trentennale di “Sandinista” dei Clash e mi piaceva il gioco di parole tra i due titoli”, spiega il musicista), in uscita il 4 maggio, è sin dal titolo una dichiarazione di campo da parte di Roy, ormai di casa in Spagna e in America Latina, da cui attinge a piene mani e a cui sempre più tende come sonorità.

La direzione intrapresa con “SuoNo Global” era già quella, ma ora con “Latinista” Roy Paci non concede spazio a dubbi: lasciati da parte lo ska, il reggae e il rocksteady che caratterizzavano i primi dischi e di cui in questa ultima prova si ritrova solo qualche eco, il poliedrico trombettista si è definitavamente convertito a un suono globale che incorpora un po’ tutta la tradizione musicale latina, in un miscuglio festoso e variopinto (“Sono ormai legato alle sonorità latine e lavoro da anni con artisti di area ispanica”). Non per niente, per registrare “Latinista” Paci ha scelto come base operativa l’isola del Morro de Sao Paulo, in Brasile, entrata con le sue suggestioni a pieno titolo nell’album: “Morro ti conduce spontaneamente verso atmosfere colorate e allegre, anche se di fondo rimane sempre una nota di malinconia”.

Rispetto a dischi come “Baciamo le mani” o “Tuttapposto” il risultato è forse meno fresco e originale, ma la qualità musicale di Roy e della sua band non si discute. Sembra però di cogliere gli influssi di una sorta di “effetto Zelig” sull’album: da “Fiesta Total” a “Destino Maraviglia”, non ci si stupirebbe a sentire varie delle canzoni di Latinista come sigla del programma comico condotto da Claudio Bisio (con cui peraltro Roy ha smesso di collaborare quest’anno: “Tre stagioni sono tante e non volevo diventare conosciuto solo come il «tizio di Zelig»”).

Tra gli ospiti dell’album, il posto d’onore è riservato a Lorenzo Cherubini, che canta assieme a Roy nel primo singolo del disco, “Bonjour Bahia”, brano dalle atmosfere rilassate inequivocabilmente in stile Jovanotti. Interessante e strampalato “Il segreto”, brano frutto della collaborazione con il cantante e frontman dei Gogol Bordello Euegene Hutz (“È una canzone folle, anche solo a capire cosa voleva dire Eugene ho fatto una fatica bestiale”, ride Roy Paci). Terzo featuring è invece “Nostress”, gioioso inno ai menage à trois scritto assieme a Michele Salvemini alias Caparezza e presente anche in una versione spagnola concepita dal solo Roy Paci (in cui cambia però il tema e si parla di un uomo vittima dello stress). Un disco piacione ma piacevole, rimpiangendo un po’ i tempi di “Sicilia Bedda”.

Marco Agustoni

Condividi.