Thirty Seconds To Mars il nuovo album presentato da Jared Leto

intervista-jared-leto-2013

Scusate il ritardo, non è colpa mia! Jared Leto si presenta così, allegro e radioso, in occasione della presentazione alla stampa del nuovo album dei Thirty Seconds To MarsLove Lust Faith + Dreams”, in uscita il 21 maggio 2013 e da lui stesso definito come un nuovo inizio. “Abbiamo lavorato a Love Lust Faith + Dreams tra Italia, Francia, India ed il nostro studio in California. E’ stata la giusta occasione per reinventarci, per chiederci chi siamo e ripartire da zero. C’è stata un’evoluzione da quando abbiamo iniziato a suonare. Prima era più facile classificarci in un dato genere, ad esempio This Is War era un disco molto rock. Questo, invece, è molto più complesso ed eterogeneo, tanto che i nostri fan, ascoltandolo, potrebbero anche pensare ma questi sono davvero i Thirty Seconds To Mars?”

Intraprendere nuove strade

Il frontman della formazione statunitense è a dir poco entusiasta del risultato, ottenuto dopo una lavorazione durata all’incirca due anni e che ha visto la presenza di Steve Lillywhite, produttore britannico di grande fama internazionale noto anche per aver prodotto artisti del calibro di U2, Rolling Stones e Peter Gabriel. “E’ un disco in cui avviene un evidente mutamento e che quindi ci permette di gettare l’amo per intraprendere strade del tutto nuove”. E aggiunge “Ho scritto ben 70 canzoni e, in seguito ad una scrematura ben dettagliata, siamo arrivati alla tracklist finale”.

Love Lust Faith + Dreams?

Sono quattro parole alle quali ognuno di noi è legato e che possono avere diversi significati, uno letterale e uno figurato. Credo che siano 4 parole molto semplici ma, al contempo, potenti: ognuno di noi ha una sua storia ed ha avuto a che fare con l’amore, il desiderio, la fede e i sogni. Ognuna di queste parole è usata almeno una volta in ogni canzone dell’album”.

Il video Up In The Air

Il cantante, oltre ad essere polistrumentista, è anche regista dei video dei suoi brani sotto le mentite spoglie di Bartholomew Cubbins. E in merito al video di Up in The Air, singolo apripista della quarta release dei tre californiani, mandato in orbita grazie alla collaborazione della NASA, sostiene: “Pensavo di aver girato un clip molto più soft rispetto a “Hurricane” e, di conseguenza, esente dalla censura. E invece così non è stato. Per quale motivo? Per la presenza di Dita Von Teese, che indossa più di un semplice bikini. E’ strano, ci sono video pop dove si vedono persone nude senza problemi e, invece, così non è per una donna vestita. Oltre alla presenza di Dita, che è una mia vecchissima amica, nel video ci sono anche la modella Ashley Smith, le ginnaste della squadra olimpica statunitense e Damien Hirst” (il quale ha curato la copertina del disco, n.d.r.).

Thirty Seconds to…Pink Floyd?

Jared non ha mai negato di amare le sperimentazioni, tanto che in futuro vorrebbe provare sound del tutto inaspettati “Certamente, mi piacerebbe scrivere un disco ambient, sulle sonorità di “Meddle” dei Pink Floyd o “Kid A dei Radiohead. Mi piacciono molto anche i Sigur Ros e Bjork”.

Jared e il cinema

E la sua carriera da attore, invece, a che punto è rimasta? “A dicembre ho girato “The Dallas Buyers Club” nei panni di un transessuale. Qualcuno potrebbe sostenere che la mia carriera da attore sia finita (ride). A dire il vero preferisco fare meno film ma di qualità. E poi, se vogliamo vedere, anche Daniel Day Lewis si è preso una pausa per produrre scarpe. Cosa che sto facendo anch’io, anche se in un altro senso”. Non nasconde, allo stesso tempo, il desiderio di girare un film italiano:sono stato letteralmente colpito da Gomorra, che ho trovato straordinario. La prova degli attori è stata magistrale. Inoltre, per una persona che ha studiato regia, il cinema italiano è favoloso: Bertolucci, Fellini, Sergio Leone…l’altro giorno ho rivisto per l’ennesima volta “Nuovo Cinema Paradiso”!

Prossimi concerti

I Thirty Seconds To Mars hanno stabilito il record con 311 concerti per il tour di “This is War” e sono già pronti per tornare on the road. Il pubblico italiano, tuttavia, dovrà aspettare per rivederli in concerto fino al 13 e 14 luglio 2013, quando suoneranno rispettivamente a Lucca, in occasione del Summer Festival, e Piazzola Sul Brenta (PD).

Claudia Falzone


Condividi.