Thich Nhat Hanh in Italia

La via della pace interiore – “Non c’è una via per la felicità: la felicità è la via”. Questo il messaggio alla base degli appuntamenti che vedranno protagonista il monaco buddhista, poeta e attivista vietnamita per la pace. Il Venerabile Thich Nhat Hanh, monaco zen vietnamita tra i più rappresentativi del Buddhismo nel mondo torna in Italia per la sua ottava visita. Roma ospiterà il Maestro il 30 agosto e il 6 settembre, Milano dall’8 al 10 settembre. Questi gli appuntamenti romani: giovedì 30 agosto ore 17,30 avrà luogo a Piazza del Popolo la Camminata consapevole Passi di pace su questa Terra, mentre giovedì 6 settembre al Teatro Olimpico dalle ore 20 ci sarà la conferenza aperta al pubblico dal titolo Città: culla della trasformazione.  Le due giornate milanesi prevedono la Conferenza pubblica dal titolo Il nostro appuntamento con la vita è oggi che si terrà Sabato 8  al Teatro dal Verme ore 16 e la Giornata di consapevolezza Impronte di pace sulla Madre Terra che avrà luogo  domenica 9 a partire dalle ore 9 presso il Parco Nord di Sesto San Giovanni.

Dopo 2 anni Thich Nhat Hanh torna in Italia per offrire giornate di insegnamento e nutrimento spirituale. Le conferenze pubbliche apriranno una finestra sulle possibilità di trovare stabilità e umanità in tempi in cui è maggiore il bisogno di riscoprire la propria dimensione interiore e spirituale, sull’ ambiente e sulle difficoltà generate dal vivere in una grande città. La Giornata di consapevolezza offrirà un insegnamento, una camminata silenziosa, un momento di condivisione e meditazioni guidate dal venerabile Maestro Thich Nhat Hanh e dalla sua comunità monastica. Per partecipare è necessaria l’iscrizione (riduzioni per i giovani).

Gli eventi sono stati organizzati dall’Associazione Essere Pace, che ha come scopo quello di sostenere diffondere e promuovere gli insegnamenti di Thich Nhat Hanh.

Per info e iscrizioni consultare il sito www.esserepace.org

Biografia – Thich Nhat Hanh è nato in Vietnam nel 1926. Ordinato monaco buddhista Rinzai a 16 anni, da allora interpreta e promuove il Dharma quale strumento per portare pace, riconciliazione e fratellanza nella società. Nel 1964, durante la guerra del Vietnam, ha dato vita al movimento di resistenza nonviolenta dei “Piccoli Corpi di Pace”. Nel 1967, mentre si trova negli Stati Uniti, incontra Martin Luther King, il quale, dopo averlo conosciuto, lo candida al premio Nobel per la pace, e prende posizione pubblicamente contro la guerra in Vietnam. Due anni dopo, costretto all’esilio, ha dato vita alla Delegazione di Pace Buddhista, che ha partecipato alle trattative di pace di Parigi. Dopo la firma degli accordi, gli è stato rifiutato il permesso di rientrare nel suo Paese. Si è quindi stabilito in Francia, dove nel 1982 ha fondato Plum Village, comunità di monaci e laici nei pressi di Bordeaux, nella quale tuttora vive e insegna l’arte di vivere in “consapevolezza. I suoi numerosi libri sono stati tradotti in molte lingue. Thich Nhat Hanh è un chiaro promotore del “Buddhismo Impegnato”, che mette in relazione le pratiche meditative tradizionali con la pratica attiva della nonviolenza e dell’attenzione alle problematiche ambientali, alla luce dell’insegnamento dell’inter-essere di tutto ciò che esiste e vive. Formidabile divulgatore in termini odierni di una tradizione antichissima, è riuscito a renderla accessibile agli occidentali del 20° e 21° secolo che vi hanno trovato chiare indicazioni, sostegno e ispirazione. È un autore prolifico che ha scritto oltre cento libri, tradotti e pubblicati in tutto il mondo. In Italia sono pubblicati da Ubaldini, Mondadori, Neri Pozza e Terra Nuova.

 

Condividi.