Film nelle sale dal 20 aprile

Pasqua incombe e così la settimana cinematografica incomincia in anticipo, con l’uscita mercoledì 20 di “Winnie the Pooh”, che arriva a colmare l’assenza ormai trentennale dell’orsetto goloso di miele dal grande schermo. Il tenerorso creato dalla fantasia di Alan Alexander Milne torna con il suo amico Christopher Robin e con le altre bestiole della compagnia – su tutti il maialino Pimpi -, per vivere nuove avventure nella Foresta dei Cento Acri. E noi ci buttiamo a capofitto a caccia di miele assieme a lui. Lo stesso giorno tocca anche a Ken Loach con “L’altra verità”, duro racconto di due amici di infanzia che vanno in Iraq come contractors: uno dei due rimarrà ucciso, ma l’altro non si accontenterà della versione ufficiale dei fatti e proseguirà le difficili indagi per conto suo. Giovedì 21, invece, l’adolescente più presente sul web, la popstar canadese Justin Bieber, darà il via alla sua invasione armata delle coscienze occupando anche il grande schermo con “Justin Bieber – Never Say Never”, documentario e film-concerto che, a partire dalla fortunata esibizione al Madison Square Garden 2010, ripercorrerà le tappe principali della sua giovine carriera.

Le restanti pellicole escono regolarmente venerdì 22: si parte con “World Invasion”, in cui un plotone di marine formato da Aaron Eckhart, Michelle Rodriguez e dal cantante e produttore Ne-Yo combatte alieni cattivi per le strade di Los Angeles. Boom! Zap! Kapow! E tutto il resto. Amanda Seyfried è invece incappucciata di rosso in “Cappuccetto rosso sangue”, versione in salsa ketchup del classicone delle fiabe. In qualche modo c’è finito dentro anche il bravo Gary Oldman, non si sa bene come, e un po’ ci dispiace per lui.

Con “El cantanteMarc Anthony decide di rimanere in famiglia e chiama a far coppia con lui anche sullo schermo Jennifer Lopez, per raccontare la vita del musicista portoricano Hector Lavoe, che tra uno spruzzone di eroina e l’altro ha fatto innamorare gli americani della salsa (non quella ketchup di “Cappuccetto rosso sangue”, bensì la musica).


Si chiude con “Faccio un salto all’Havana”, in cui il comico romano Enrico Brignano è Fedele, uomo frustrato dalla vita e (metaforicamente) frustato dalla moglie, che dopo aver dato per disperso il fratello Vittorio, interpretato dal nuovo prezzemolino Francesco Pannofino, lo scopre ballerino a Cuba e parte per recuperarlo e chiedergli spiegazioni. Ci sarebbe poi anche “I bambini della sua vita”, ma è il film di cui non vale parlare della settimana.

Marco Agustoni

Condividi.