Film nelle sale dal 30 aprile

Thor film trailer movie ita

Il martello di “Thor” cala prepotente sulle sale cinematografiche, portando scompiglio e lasciandosi dietro qualche vittima. Il film sul personaggio Marvel cacciato da Asgard, dimora degli dei, dal padre Odino, è di sicuro l’uscita più forte di questa settimana, ma al di là delle apparenze non è, o quantomeno non soltanto, il solito blockbusterone, dato che alla regia c’è, un po’ a sorpresa, il buon vecchio Kenneth Branagh (Kenny aveva bisogno di soldi?), regista di “Molto rumore per nulla” ed “Enrico V”. Il risultato finale non sarà perfetto, ma comunque interessante.


Su tutt’altro terreno, la regista sicula Roberta Torre ritorna, come sempre a  modo suo, con “I baci mai dati”, storia di una ragazzina catanese che sente parlare una statua della Madonna. Miracolo? Vaneggiamento? In ogni caso, un’occasione di arricchirsi per la madre sconclusionata e una fonte di problemi per la tredicenne. Se cercate un’alternativa un po’ più cerebrale, ma altrettanto spettacolare a “Thor”, allora una buona idea potrebbe essere “Source Code” di Duncan Jones, in cui Jake Gyllenhaal è un militare che scopre, non senza un certo spaesamento, di far parte di una missione speciale: rivivendo di volta in volta gli ultimi otto minuti di vita di un’altra persona, dovrà svelare l’identità di un attentatore che ha fatto saltare in aria un treno. E non solo.


Emidio Greco si cimenta su grande schermo con il libro di Franco Lucentini “Notizie degli scavi”, in cui Giuseppe Battiston è il Professore, un uomo che vive svolgendo lavoretti in una casa di appuntamenti. Quando un conoscente chiede a questo anonimo individuo di andare a trovare in ospedale la Marchesa (Ambra Angiolini), un’ex prostituta che ha tentato il suicidio, la sua vita sciapa cambia in maniera inaspettata. Già il libro dei “I Malavoglia” era una spina nel fianco. Un film tratto dal racconto di Giovanni Verga, non potrà certo essere da meno. Incurante, Pasquale Scimeca insiste per trasporre su grande schermo e in tempi odierni la storia di ‘Ntoni e famiglia, e insomma, non ci restano che consolarci sgranocchiando lupini. “Noi, insieme, adesso – Bus Palladium” è il titolo dadaista del film del regista francese Christopher Thompson: cinque amici d’infanzia hanno una rock band con un buon potenziale, ma una donna arriva a scompaginare le carte in tavola. Yoko Ono docet? “Diciott’anni – Il mondo ai miei piedi” racconta, come è facilmente intuibile, la storia di un diciottenne con il mondo ai suoi piedi. Ok, regolare. Fascinoso e ribelle, questo adolescente (come nella buona tradizione inaugurata da “Beverly Hills 90210”, il personaggio di anni ne ha diciotto, l’attore almeno dieci di più) seduce donne più grandi di lui e vaga in cerca di non si sa bene che cosa… almeno finché non incontra una ragazza, interpretata dalla stessa regista del film, Elisabetta Rocchetti, che lo intriga e lo fa penare più delle altre. Nel cast c’è anche G-Max dei Flaminio Maphia, anche se non si sa bene il perché. Chiudiamo, prima che questo articolo si surriscaldi e prenda fuoco per aver superato le tremila battute, con le vicende di eroinomani de “Il sesso aggiunto” e con la storia d’amore sghemba “Angèle e Tony”, in cui una madre appena uscita di galera e intenzionata a riguadagnare l’affidamento del figlio avvia una relazione sentimentale con un placido portuale. E con questo è tutto, buona visione!

Marco Agustoni

Condividi.