Quelli che il calcio, diciottesima edizione

Partirà domenica 18 settembre la nuova edizione di Quelli Che Il Calcio, storico programma del pomeriggio (ore 13.45) di Rai 2: siamo arrivati alla diciottesima edizione. Orfana di Simona Ventura, e, come accade ormai da anni, senza la possibilità di mostrare immagini delle partite, la trasmissione è stata completamente rivista e rinnovata. Prima novità, la conduttrice, Victoria Cabello, che figura anche nella squadra degli autori. La trasmissione, promettono, avrà uno ‘stile Victoria’, ironico e pungente, e si baserà su un mix tra calcio e intrattenimento. Scelta obbligata, vista la questione dei diritti tv sulle partite, ma con l’inserimento di elementi nuovi, primi fra tutti i veri tifosi di calcio. Saranno loro, insieme ai tifosi vip, a seguire le partite in collegamento dai vari stadi (niente Aldo Biscardi), e saranno anche ospitati in studio per raccontare le storie più incredibili legate alla loro passione.

Nella squadra di Quelli Che Il Calcio entra anche il Trio Medusa, con cui Victoria Cabello aveva lavorato ai tempi delle Iene. Il loro compito è essere dissacranti e portare scompiglio. Confermati per la parte comica Virginia Raffaele e Ubaldo Pantani, l’una nei panni di una poetessa e l’altro in quelli di Oscar Giannino; insieme saranno anche interpreti di una sitcom che prende in giro le serie tv americane, Bed&Breakfast. Confermato anche Massimo Caputi, fedele alla sua postazione per il commento delle partite dallo studio. Per le altre novità bisogna attendere domenica e vedere.

Anche quest’anno non mancano ospiti sportivi, attori e cantanti. Per la prima puntata sono previsti Federica Pellegrini, Beppe Fiorello, Donatella Finocchiaro, Cesare Cremonini con il pianista Stefano Bollani e Jason Derulo, l’artista americano di Ridin Solo. Intanto, Victoria confessa che “Simona Ventura mi manda sms con consigli e suggerimenti” (tra le due non pare esserci la maretta di cui si era vociferato), e che il programma “è work in progress, inizia in un modo e finisce in un altro”. Il tutto sotto la sapiente regia di Paolo Beldì, storico regista della trasmissione che torna a dirigere dopo due anni. A proposito: visto che l’inno della Fiorentina (per cui fa il tifo Beldì) mandato in onda ogni volta che la squadra segna ha stufato tutti, verrà rimandato puntualmente a ogni gol dei viola. Pubblico avvertito.

Francesca Binfarè

Condividi.