Rock Band 2: il sorpasso di EA?

Come sempre sarà solo questione di gusti chiaramente, ma se la vediamo da un lato prettamente tecnico e se parliamo di giocabilità, di fedeltà alla risposta e al contorno grafico che un rhythm game deve avere, Rock Band 2 lascia indietro Guitar Hero World Tour.


Certo la scaletta comincia a diventare interessante ed avvincente dopo metà gioco, la modalità delle città e dei concerti nei locali è simpatica ma forse troppo caotica per chi cerca da subito i pezzi che ama…tuttavia il comparto tecnico del gioco è molto buono: zero concessioni a ritardi o anticipi di sorta, tablature ben fatte e sensate e una curva di apprendimento molto avvincente da intraprendere per giungere a suonare tutti i pezzi a livelli di difficoltà elevati.
Graficamente l’attenzione è stata posta sulla caratterizzazione dei personaggi (editor mostruoso) e sulle movenze tipiche di questi sullo stage. Certo qualche scelta vi lascerà dei dubbi quando vedrete il padre di famiglia cinquantenne baffuto e in camicia casual a guidare la vostra band su “Painkiller”, ma sono elementi secondari. Il pubblico non entusiasma visivamente ma a livello uditivo si fa sentire eccome, contribuendo ad aumentare il coinvolgimento del giocatore.

Gli strumenti in generale (gtr e drums) appaiono più ‘sicuri’ e resistenti rispetto a quelli di GH, tuttavia sarà come sempre questione di gusti, certo che la possibilità di utilizzare altri cinque tastini, posti a fine manico sulla chitarra, daranno un tocco molto reale al momento dei solos… La batteria paga invece l’assenza dei ‘piatti’, presenti invece nella drum di GH. Detto che se ne fa anche a  meno senza troppi problemi, per chi vuole davvero far finta di possedere un kit da figo, consigliamo un giretto sul sito della ION.

Un ultimo avvertimento: se siete reduci da lunghe sessioni di Guitar Hero, non fatevi impressionare o scoraggiare dal fatto che non prenderete una nota nelle prime partite con Rock Band 2. La sostanza è la stessa ma il modo con cui ottenerla (ovvero pennare al momento giusto le note) è abbastanza diverso, quindi fate molta attenzione.
Per il resto un ottimo prodotto, che si confermerà alla grande in America anche grazie ai vari contenuti extra scaricabili sul Rock Band Store, già adesso molto più convincente del negozio online di Guitar Hero. Già annunciato un imperdibile AC/DC live at Donington e altri Downloadable Content dedicati ai Foo Fighters e Queen. Da avere a ogni costo.

Condividi.