[Posta] #6 – Redattori a rapporto

Prosegue la saga natalizio/fineannistica delle risposte dei redattori. Esaurito l’angolo femminile, ora la palla passa a tre colonne del sito, nei prossimi numeri il colonnato continuerà.

P.N.’s zone
Ciao, sono Gennaro da Napoli. Volevo chiedere a Paolo Nonsisa intanto se il suo cognome è vero o è una copertura, poi se ha qualche conto aperto con il Liga, dato che nei suoi pezzi non gli risparmia sfrecciatine di vario tipo. Comunque il tuo stile mi piace, continuate così! G.
Ue Genna’, il mio cognome è palesemente falso, in realtà faccio Sisa ma il non è nato quando non sapevo bene cosa rispondere a JJJ quando mi chiese se gli davo una mano con un nuovo progetto. Lo so è una puttanata ma è così. Per il resto nulla di personale, figurati, è che lo seguo da sopravvissuti e sopravviventi, quindi ho mal digerito i vari ammorbidimenti che ha avuto nel corso degli anni. Gli voglio comunque un gran bene.

Cerco risposte con questa mail, forse meno aggressiva delle altre a cui non mi rispondi [meno inutile direi, ndr]. Allora spiegatemi come fa un redattore a recensire nu metal, hardcore, leggera italiana e pop oltre a fare report cumulativi. O è un fenomeno del giornalismo musicale, o semplicemente non esiste e sarebbe l’ennesima palla di questo sito. KING
Azzo se esisto! Come faccio? Sono un vecchio del 65 e conosco tanta roba, essendo appassionato di rock e non solo ad ampio (ma ampio di brutto) respiro. Soprattutto ne ho vissute tante e ho imparato ad apprezzare i Grave e Ben Harper alla stessa maniera (o quasi). Sono a malapena in grado di far andare outlook e msn, ho visto pochissime volte il sito, non per questo sono meno appassionato di musica di uno smanettone qualsiasi. Ah Jacopo mi hai detto che scassi i coglioni king, critichi ma sei sempre qua e il tuo ip visita 2/3 volte al giorno outune (non ho idea di cosa voglia dire ip ma fa nulla), quindi suka!

Spett.le redazione, sono Marco Frittella, dal Fan Club Italiano dei Rolling Stones. Sono (siamo!) schifati da quanto scritto a firma P.N. nel riepilogo dischi mainstream del 2005. Per potersi permettere di definire “A bigger bang” <<un’accurata pressatura di sterco equino>> ci vogliono, oltre alla faccia tosta e alla voglia di far parlare a tutti i costi di sé, limitatissime capacità mentali. Sarebbe bello incontrare faccia a faccia il recensore e il direttore di questo sito spazzatura per discutere a modo nostro di come suoni davvero il disco. Non escludiamo di prendere provvedimenti legali e di querelarvi, così forse vi passerà la voglia di fare falsa informazione. Con sdegno profondo.
Perché a me scrivono solo brutte cose? In ogni modo questa mail è palesemente falsa e scritta solo per provocare, perché benché possa ancora esistere o meno un fan club italiano dei rolling (ne facevo parte anch’io molti anni fa), nessun fan degli stones potrebbe scrivere delle boiate simili per un parere diverso dal proprio benché diretto e senza peli sulla lingua. Quindi tu hai probabilmente l’età di mio figlio e hai voglia di fare il mentecatto. Se gli Stones fanno un disco di cacca non significa che non siano più la più grande band della storia della musica. Lo sono e lo saranno per sempre (almeno per me), a prescindere da bigger bang.

Ciao redazione, volevo farvi i complimenti per l’originalità del progetto e per la capacità (e l’onestà) che avete nello selezionare e svolgere le recensioni. In particolare Ben Harper e Prince sono stati valutati nel modo più oggettivo possibile dal bravo recensore, una voce fuori dal solito coro scontato dei media fa sempre piacere, augurandovi che non resti isolata o poco conosciuta per molto (vi ho trovato da poco e vedo che siete online da sette mesi!) Saluti a tutti, Nicola Taranto.
Allora c’è qualcuno di buono anche per me! Grazie Nicola, i due dischi che hai citato sono ordinari dischi pop d’oggigiorno, anche se a produrli sono due ottimi performer! Purtroppo fa molto comodo sforzarsi poco e portare a casa la pagnotta, ci rimette la musica di qualità ma chi non farebbe come loro se potesse scagli la prima pietra! Ciao!

S.D.N.’s zone
Questo messaggio è per l’autore dell’editoriale riguardante i Lacuna Coil, spero che l’indirizzo sia giusto. Volevo complimentarmi con lui perché ha detto le cose che ogni persona dotata di intelletto dovrebbe pensare. Non seguo per nulla il metal e nemmeno l’hard rock, i miei ascolti in campo “pesante” si fermano ai green day, ma hai ragione su tutta la linea. Sembra che la moda delle webzine di settore, e non solo, sia quella di buttare merda addosso al gruppo in questione, secondo me è solo invidia. Continuate così!
Grazie mille. Sul serio. Fa piacere non sentirsi soli. Anche se considerandomi dotato d’intelletto mi stai parecchio sopravvalutando!

Era oraaaa! Finalmente qualcuno che non incensa a prescindere facendo il gioco dei media! La notizia di May mi ha disintegrato, io ho visto in prima persona i Queen in Inghilterra negli anni ottanta, mi fa schifo tutto quello che è stato buttato fuori dopo la morte di Freddie, figuratevi sentire queste sparate! Grazie, sappiate che avete interpretato alla perfezione il pensiero di molte persone con quell’editoriale!
Che altro aggiungere?
Quello che stanno facendo i Queen è un insulto a sé stessi, il disco venderà comunque un gozziliardo di copie. La storia darà loro ragione. Purtroppo. È bello notare che i fan anziani siano uniti nel disgusto.

Ciao a tutti, volevo fare la spia e rovinare dei rapporti di collaborazione! Ho visto il sempre più paffuto Di Noi frequentare con troppa assiduità lo stand di Metallus. Occhio Triple che ti fottono i collaboratori! Ovviamente sto scherzando e volevo solo risalutare Stefano, che avevo avuto il piacere di conoscere quando ancora collaborava con metallus appunto. Lui non si ricorderà di me, io sì, dato che intrattenemmo una piacevole discussione sugli In Extremo a un lontano gods of metal, purtroppo a Toscolano ho avuto paura di fare figuracce salutandolo…Continuate così, il sito è molto interessante e soprattutto obiettivo, dote rara al giorno d’oggi!
Paffuto a chi!?!
Un saluto a te, invece e la prossima volta salutami, porca miseria… nemmeno fossi una super star!

Oh ma lo volete capire che devin townsend ha rotto le palle? Non si può continuare a giudicare positivamente qualsiasi roba che tira fuori. Questo deve pagare i conti ai rigattieri e ogni tre mesi fa un disco! Non dovete scrivere ‘compromesso’, ci sono troppi dischi con compromessi al giorno d’oggi, townsend l’ultimo grande disco lo ha scritto con ‘city’ troppi anni fa! E poi cosa vuol dire ‘cyber’ metal???? Non prendetela male, è un messaggio dai toni un po’ forti che cerca risposte, sempre che me le vogliate dare. DA-85.
E chi s’offende! La risposta è semplicemente questa: a me i suoi dischi continuano a piacere. Ok su City, è un capolavoro e bla bla bla, ma non si può pretendere che il canadese riscriva le regole tutte le volte. Lo ha fatto con City, lo ha fatto con Infinity è c’è quasi riuscito ancora con Terria. Nella terra dei ciechi l’orbo è il re. Oggi Townsend sarà pure orbo, ma i dischi continua a saperli far bene e in mondo dove escono dischi a nome Hammerfall o Dragonforce non è poco. E fidati se ti dico che non soffro di idolatria.

Ma non eri quello che non avrebbe voluto saperne più di metallo? Cosa fai ti ricicli? E’ troppo comodo andare gratis ai concerti? Ah, bella la risposta alla mail polemica jaKKKo, siete una massa di simpaticoni vedo. Vi scrutiamo, da lontano, ma vi scrutiamo… [seguono imprecazioni tagliate per motivi di spazio, alcune meritavano davvero, ndr]
Pecunia non olet e con Outune, come è noto, ricevo svariate migliaia di euro semplicemente scrivendo di quello che voglio e quando voglio. Piuttosto, invece di scrutare noi che siamo notoriamente brutti e sfigati assai, perché non guardate un po’ di femmine?

L.N.’s zone
—–Messaggio originale—–
Da: Fabiana Vizzi [mailto:]
Inviato: 23 aprile 2006 14.43
A:
info@outune.net
Oggetto: Marlene
Kepakko!!! Ho scoperto da poco il sito e mi piaciukkia, ma la rece dei Marlene proprio non ci sta dentro dai! Biancosporco è stata una delusione pazzeskissima, loro lo sanno, anche quando sono venuti a suonare qua quale fan ha fatto la contestazione! Io ci sono rimasta malissimo, ma quello che ha scritto la recensione è un fan dei Marlene? No perché se non lo è non può capire la delusione che han provato i veri fans dei Marlene! Un baciotto lo stesso anche se non è un fan dai! CiaoOoOoOoO…[la successione di OoO è stata tagliata perché avrebbe fatto esplodere la pagina, ndr]

CiaoOoOoOoO! Non sono un fan sfegatato dei Marlene, ma li apprezzo molto nelle loro diverse forme. In quanto non-fan non mi è dispiaciuto, ma anzi, posso godermi un disco in più della loro discografia. Un baciotto anche a te!

—–Messaggio originale—–
Da: Guido Maltesi [mailto:]
Inviato: 30 giugno 2006 1.20
A:
info@outune.net
Oggetto: red hot chili peppers
Un saluto a tutti. Volevo farvi i complimenti per la recensione dei red hot, L.N. è riuscito a condensare in poche righe i concetti fondamentali del disco, che resta un disco decente ma molto distante da quel capolavoro indispensabile che tutti i mezzi di comunicazione vogliono farci intendere! Sono un fan totale di Kiedis e compagni, ma sono anche una persona senza i paraocchi. Fate bene a dire le cose come sono, anche se credo che vicino a questa mia mail positiva ve ne arrivino anche di critica!
Sai come si dice, le opinioni sono come le palle, no?;) Anyway, grazie a te!

—–Messaggio originale—–
Da: KRUSTY-Roby86 [mailto:]
Inviato: 5 luglio 2006 8.26
A:
staff@outune.net
Oggetto: volumi all’idrogeno!!
Bella!!! Finalmente un report dei volumi all’idrogeno!!!! Avete fatto delle foto carine ma un po’ troppo lontane, se ve ne serve qualcuna sotto per i Linea77 ne ho! Ho impiegato un po’ di tempo a rintracciarvi ma ce l’ho fatta! Il link me lo ha passato il chitarrista dei linea che ha postato il link alla vostra rece!!! Anche a Torino si ascolta buona musica ca22o! Il recensore è di Torino o della zona? Se gli passate il messaggio ditegli che ci becchiamo per qualche birra ogni tanto, mi farebbe piacere conoscere un giornalista musicale! Bella, KR86.

Giornalista musicale, ma no dai, diamo il giusto peso alle parole, già scribacchino è troppo. A Torino si ascolta ottima musica, non dubitare!;)

—–Messaggio originale—–
Da: Francesca LaValle[mailto:]
Inviato: 8 novembre 2006 22.54
A:
staff@outune.net
Oggetto: evanescence
Vi scrivo in merito all’ultimo disco degli Evanescence. Ho avuto anch’io la stessa sensazione vostra, questo disco è bello ma non ha niente di diverso dal precedente, e allora è meglio prendersi fallen senza dubbio. Poi vorrei il vostro parere su una questione: ma non facevano prima a prendere le prime 6 tracce e fare un rapido ep anziché un disco intero? Grazie per l’attenzione e continuate così!

Probabilmente avrebbero fatto meglio per noi, ma non per loro, è come quando masterizzi un cd e hai ancora un po’ di spazio, butti dentro tutto quello che trovi… :D Ciao!

Condividi.