IL Matrimonio

Antonella e Jacopo – San Giacomo di Teglio/Grosio (Sondrio) 13 settembre 2008

Assistere al matrimonio di un caro amico è sempre un piacere, assistere al matrimonio di un pazzo scatenato pure. Assistere al matrimonio di un amico pazzo scatenato è un piacere al quadrato! Spostando il suo quartier generale da Milano a Sondrio, lo sposo ci ha fatto macinare kilometri su kilometri per raggiungere Grosio, in una giornata in cui Dio annuncia senza mezzi termini che l’estate è finita. Rischiata la vita più volte su quel ramo del lago di Como, in mezzo a gallerie inondate d’acqua, lo sposo ha ricevuto la sua dose di maledizioni…riuscendo ad uscirne assolto solo grazie alla bellezza della sposa.
 
 
Ci è venuto più volte il sospetto che il medesimo volesse inscenare un party nuziale in stile video di ‘November Rain’ dei Guns’n’Roses, vista la presenza di capelloni eleganti e la pioggia incessante…auguriamo agli sposi un finale alternativo, perlomeno. Scontro tra titani tra la cricca dello sposo alta e capelluta e il parentado della sposa straight from punta d’Italia, tutti comunque uniti nella gioia e nella commozione all’interno della meravigliosa chiesa montana. Riso, applausi, sgommate e strombazzate per la sposa bagnata, sposa fortunata e poi trasferimento in massa al luogo delle celebrazioni.
 
 
Parzialmente rovinato dal maltempo l’aperitivo all’aperto (nessuno è saltato sulle vivande, comunque), il piatto forte è stato celebrare il banchetto nuziale nello stesso albergo che poi permetterà agli invitati di suonare e dormire. Pacchetto completo sbronza+mangiata+celebrazione+musica live+sonno tranquillo. Non c’è limite alla tamarraggine dato che, una volta fatte le foto di rito e fatti accomodare i commensali, sposo e sposa hanno fatto il loro pirotecnico ingresso la prima sulle note dei Gotthard, il secondo copiando l’ingresso del wrestler Triple H. Con questo non intendo dire chè è entrato semplicemente con la theme song ‘The Game’ dei Motorhead di sottofondo: il pazzo scatenato è entrato con capello sciolto, giubbino di pelle e sguardo da matto, replicando esattamente l’ingresso con tanto di bottiglietta d’acqua nebulizzata sul pubblico. Metà pubblico congelata dallo stupore e l’altra metà ululante…potete immaginare quali. Intervistato a riguardo, l’unico commento dello sposo è stato: ‘Mi sono sposato apposta per farlo!’.
 
 
Fatto capire a metà valle che gli sposi sono appassionati di rock e wrestling, non è tardato il palesarsi della loro fede interista, visti i brindisi che partivano per Ibrahimovic, Balotelli e, ovviamente, per gli sposi stessi.
Una cena squisita, abbondante ma non dispersiva, che ha permesso di arrivare cotti ma carichi al clou della serata. Mentre il liscio allietava gli ospiti più anziani, un selezionato gruppo di amici dello sposo ha montato il necessario per una piccola esibizione live. Con lo sposo dietro alle pelli e amici a chitarre, basso e voce, la sala è stata travolta da due ore e passa di musica non stop. Partiti soft con una ‘Wanted Dead Or Alive’ acustica, ‘Livin’ On A Prayer’ e una ‘Knockin’ On A Heaven’s Door’ con tanto di assoli di Slash, la sposa ha dato prova del suo estro canoro. Decisi infine a spaventare definitivamente gli ospiti, la malefica cricca ha messo i maschietti al microfono ed è partita in un mortale ‘Enter Sandman’/’Creeping Death’/’Seek And Destroy’ che non ha lasciato prigionieri. Nonostante i fiumi di alcool e il cibo in corpo, il gruppo è riuscito a resistere attraverso ‘Am I Evil’, ‘Whiplash’, ‘Holy Wars’/’In My Darkest Hour’, jam varie, cose impossibili da ricordare, fino ad un finale con ‘Master Of Puppets’, ‘Anarchy In The UK’ e il giusto tributo di sangue con ‘Raining Blood’. Un finale magari non prevedibile, ma comprensibile alla luce delle prime parole del discorso ufficiale dello sposo, ancora elegante e in piedi ad una sedia davanti a tutti gli invitati: ‘Grazie a tutti…è una figata!’.
 
 
Attendiamo fiduciosi il primo battesimo…

Marco Brambilla

Condividi.