Outune: 4 anni celebrati a 1700 metri!

Quattro anni fa in questo periodo andavamo online. E’ inutile perdersi via in ricordi, raccontare esperienze incredibili, parlare di fregature epocali e via dicendo. Ci limitiamo a dire che festeggiare il quarto compleanno nella suggestiva cornice dello Zermatt Unplugged 2010 è semplicemente stata una soddisfazione pazzesca.

Non avremmo mai pensato che Outune avrebbe potuto essere l’unica testata italiana presente (e ospitata) a una kermesse simile, non avremmo mai pensato di poter intervistare e conoscere tali stelle di fama mondiale in quest’occasione, non avremmo mai pensato di ricevere la benedizione per il nostro lavoro da nientemeno che Jon Lord. Sono momenti che ti ripagano di fatiche, investimenti e arrabbiature con cui spesso abbiamo a che fare. Mettere in piedi un progetto simile in Italia era ed è follia pura, in un paese in cui capita anche che gli addetti ai lavori (pochi per fortuna, ma ci sono) facciano di tutto per ostacolarti anziché agevolarti. Anche questo è uno dei motivi per i quali continueremo ad andare avanti a testa bassa. Perché sappiamo bene chi siamo e che cosa abbiamo messo in piedi in questi anni partendo dal nulla.

E quindi prosit per Outune, per chi ci crede, per chi ci aiuta, per chi ci investe e per chi lo legge. Per chi lo ostacola, per chi lo teme e per chi lo copia un verso dei Litfiba è quanto mai appropriato: “Qualcuno c’ha provato, gli ho detto vaffanculo, tu da qui non mi allontanerai!”.

J.C.

Condividi.